Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

L'INTERVISTA

Miccichè: “Mio ruolo nel Palermo di Mirri. Squadra non mi convince, non credo alla B”

Miccichè: “Mio ruolo nel Palermo di Mirri. Squadra non mi convince, non credo alla B”

L'Intervista esclusiva concessa d a Guglielmo Miccichè, ex Vicepresidente dell'U.S. Città di Palermo ed attuale membro della consulta d'indirizzo del Palermo F.C., alla redazione di Mediagol.it

Mediagol ⚽️

Dal passato al presente, con lo sguardo rivolto al futuro. I destini di Guglielmo Micciché e del Palermo finiscono magicamente sempre per incrociarsi, in virtù di un amore viscerale per i colori rosanero ed un legame profondo tra l'ex vicepresidente dell'era Zamparini ed il club di Viale del Fante. Un idillio senza tempo che si rinnova anche allo stato attuale: Guglielmo Micciché è infatti nuovo membro della consulta di indirizzo del Palermo F.C. di Dario Mirri. Il manager palermitano illustra il suo nuovo ruolo ed esprime una personale valutazione sulla compagine di Silvio Baldini nel corso dell'intervista esclusiva concessa alla redazione di Mediagol.it.

Intervista realizzata da Leandro Ficarra

"Cosa significa essere membro della consulta di indirizzo del Palermo F.C.? È un ruolo assolutamente diverso rispetto a quello che ricoprivo ai tempi della gestione di Zamparini. Conosco la famiglia Mirri da tanti anni e Dario è un mio caro amico. La settimana scorsa ci siamo incontrati e mi ha detto che stavano scadendo i mandati della vecchia consulta e che si doveva rinnovare. Dario aveva indicato il mio nome e io quando c’è di mezzo il rosanero io non riesco a defilarmi e non riesco a dire di no. Gli ho detto che mi avrebbe fatto piacere. È un ruolo di secondaria importanza, non faccio parte del direttivo della società ma è una sorta di consulenza, in cui siamo in tre e siamo tutti appassionati del Palermo. Possiamo essere utili alla società. Se loro ci dovessero chiedere qualcosa noi potremmo proporre attività ed iniziative nuove. Non è un ruolo che mi proietta in società come prima, sono passato in secondo piano ma mi va bene.

Come considero il Palermo attuale di Silvio Baldini? Io non ho visto proprio tutte le partite ma alcune sì, soprattutto quelle che Sky trasmette in diretta. La squadra un po’ mi lascia perplesso, vi confesso, perché ha un rendimento casalingo eccellente mentre quello esterno inadeguato rispetto agli obiettivi prefissati ad inizio campionato. Non mi convince nel complesso, sono sincero. Ci sono solo alcuni profili veramente interessanti nella squadra. Ha certamente grossi limiti di personalità, secondo me. Mancano alcuni calciatori che prendano la squadra per mano come li abbiamo sempre avuti noi. Ai tempi di Zamparini e Sabatini o Foschi era importante avere 2-3 calciatori alla Corini o alla Migliaccio, elementi in grado di prendere in mano la situazione nei momenti complicati come le trasferte. Fuori casa ci sono campi accesi dove magari i calciatori rosanero non sentono il tifo amico, e vedo che un po’ si perdono e si spengono. La Serie B non arriverà quest’anno, secondo me, a meno di sorprendenti exploit che portino i rosanero nei primissimi posti in questo rush finale. Magari raggiungendo il secondo posto vi sarebbero speranze concrete, viceversa sarebbe davvero complicato raggiungere la promozione. Spero che si facciano gli aggiustamenti per vincere il campionato l’anno prossimo. Per andare in Serie B bisogna vincere il campionato perché i playoff sono un terno al lotto improponibile. Ci vogliono due o tre calciatori dotati sul piano tecnico ed al contempo di leadership e  grande personalità. 

tutte le notizie di