Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

PRIMO TEMPO

Catania-Palermo 1-0: Moro firma un rigore dubbio, Biondi e Russini sfiorano il bis

Catania-Palermo 1-0: Moro firma un rigore dubbio, Biondi e Russini sfiorano il bis

Catania più brillante e determinato nella prima frazione del derby si Sicilia. Palermo piatto ed in balia dei padroni di casa che sfiorano il raddoppio in due occasioni con Biondi e Russini

Mediagol (lf) ⚽️

PRIMO TEMPO - Scelte da derby. Catania e Palermo si affrontano allo stadio "Massimino" in una gara attesa e dai risvolti non soltanto campanilistici.

Compagine di Filippi che viaggia con il vento in poppa e punta ad insidiare il primato del Bari, Catania che tiene botta e sogna il rientro in zona playoff nonostante le gravi criticità societarie. Il tecnico rosanero conferma l'ormai solito 3-5-2 ma regala almeno un paio di sorprese nella composizione dell'undici iniziale. Davanti a Pelagotti, linea difensiva formata da Buttaro, Marconi e Crivello, Accardi e Valente a fungere da esterni alti sulle corsie.

De Rose polo in zona nevralgica con Odjer e Dall'Oglio nel ruolo di intermedi. Filippi opta in avanti per i centimetri e la fisicità di Soleri al fianco del bomber Brunori.

Catania che si schiera sul rettangolo verde con un 4-3-3 piuttosto elastico. Stancampiano tra i pali,  Calapai,  Claiton,  Monteagudo e  Pinto a formare la linea difensiva,  Rosaia,  Maldonado e Greco in mediana,  Biondi e Russini a supporto di Moro nel tridente offensivo.

Partenza tambureggiante ed aggressiva di marca etnea: intensità, pressing alto e gran ritmo nello sviluppo della manovra, il Palermo stringe i denti e si difende con ordine ed un pizzico di affanno. Forcing in avvio del Catania che si dipana in ampiezza, con gli esterni bassi, Calapai e Pinto che spingono forte,  creano superiorità sulle catene laterali e mettono vari traversoni interessanti in the box. Dopo una decina di minuti complicati, il Palermo prende le misure ed alza il baricentro, sciogliendosi dall'iniziale torpore. Grande vis agonistica e vigoria da derby su entrambi i fronti, ma non si registrano nitide occasioni da rete. Catania che appare più elettrico e reattivo, ospiti lineari ma farraginosi e spesso troppo scolastici nella tessitura del gioco.

L'episodio che rompe l'equilibrio nel punteggio si materializza al minuto ventiquattro: Biondi va giù in area su lieve pressione di Marconi e l'arbitro decreta il calcio di rigore. Moro trasforma con freddezza dagli undici metri spiazzando Pelagotti. 

Smaltito lo shock per l'estemporaneo svantaggio, la compagine di Filippi prova a riordinare le idee. Poco fosforo ed ancor meno creatività in mezzo al campo, De Rose dirige il traffico senza acuti significativi, Odjer è poco lucido ed insolitamente impreciso nella cucitura della manovra. Il Catania pressa forte e ruba spesso la sfera in zona nevralgica,  rendendosi pericoloso ogniqualvolta imbastisce una ripartenza.

Greco lavora un pallone magistralmente sull'out sinistro e crossa  teso, Moro protegge e scarica per il mancino di Russini che sfiora il palo.

Palermo che non riesce a proporsi in maniera armoniosa ed incisiva dalle parti di Stancampiano. Qualche accelerazione interessante, frutto degli strappi di Soleri e della tecnica sullo stretto di Brunori,  che si infrange sul muro della retroguardia etnea. Squadra di Baldini che si distende in modo più fluido ed organico, Biondi salta secco Crivello e chiama Pelagotti ad una parata non banale.  Russini sfiora ancora il bis in chiusura di tempo con un bel mancino in diagonale.

tutte le notizie di