Mediagol
I migliori video scelti dal nostro canale

L'INTERVISTA

Aronica-Mediagol: “Palermo, tre gare per capire chi sei. Difesa? Buttaro e Marong…”

Aronica-Mediagol: “Palermo, tre gare per capire chi sei. Difesa? Buttaro e Marong…”

L'intervista esclusiva concessa da Salvatore Aronica, ex difensore di Palermo Napoli e Juventus, alla redazione di Mediagol.it

Mediagol (dr) ⚽️

Una carriera intensa e ricca di gratificazioni, edificata progressivamente con passione, abnegazione e grande spirito di sacrificio. Jolly difensivo prestante sul piano atletico e duttile sotto il profilo tattico, Salvatore Aronica, palermitano classe 1978, ha indossato le maglie prestigiose di Napoli e Juventus, tra le altre, ben figurando nel massimo campionato italiano ed in Champions League all'apice della sua parabola professionale. L'impresa calcistica realizzata con la maglia della Reggina di Mazzarri, la permanenza in Serie A partendo da una penalizzazione di quindici punti in classifica, la vittoria del campionato cadetto ed il biennio nella massima divisione italiana con il Messina. L'esperienza calcisticamente non felice nella squadra della sua città, un rimpianto significativo sul piano professionale ed umano nella carriera dell'ex tecnico del Savoia.  Il momento vissuto dal Palermo di Giacomo Filippi è oggetto di analisi ed approfondimento da parte di Aronica nel corso dell'intervista esclusiva concessa alla redazione di Mediagol.it. 

"Il Palermo di Filippi merita intanto un plauso perché il mister è stato lungimirante nel cambiare il modulo in tempo, cercando di far vestire un abito ad hoc a questa squadra viste le caratteristiche degli interpreti, riuscendo ad ottenere una serie di risultati importanti. Per quanto riguarda l'obiettivo finale dico che ancora siamo a poco più di un terzo di campionato, ma indubbiamente le prossime partite con Monopoli, Catania e Bari sono scontri diretti che daranno una risposta importante e fortemente indicativa su situazione ed ambizioni dei rosanero: capiremo se la squadra potrà conseguire una promozione diretta o se dovrà cercare di ottenerla tramite play-off. Ci sono tante partite ancora di giocare e credo che il Palermo non debba scoraggiarsi dopo la battuta d'arresto di Picerno e debba continuare la sua corsa perché già da domenica avrà l'opportunità di riscattarsi contro il Monopoli sfruttando il fattore casalingo, cosa che riesce benissimo ai rosa, per cercare di recuperare i punti sul Bari. Ho visto all'opera quasi tutti i difensori del Palermo ed il terzetto titolare attuale (Perrotta, Marconi e Buttaro n.d.r.) ritengo sia quello più affidabile ed amalgamato nel senso che subisce poco le incursioni avversarie, prova ne sia che ha tenuto la porta inviolata per più di una partita. Quello che schiera attualmente Filippi è un terzetto affidabile e che tra tutte le opzioni possibili in rosa è quello che gli dà più garanzie per questo sistema di gioco. Quello di Buttaro è un profilo interessantissimo, per via anche l'età e per come si sta disimpegnando in questa piazza caldissima, ritagliandosi un ruolo importante. Filippi lo sta premiando ed il suo rendimento è sotto gli occhi di tutti. Questo ragazzo farà molto parlare di sé in futuro. Mi sarei aspettato qualcosa in più da parte di Marong che aveva fatto bene nel finale del precedente campionato, però il calciatore ha fallito all'inizio di questa stagione alcune prove dopo che Filippi aveva continuato a dargli fiducia. Ad oggi il mister ha trovato la sua linea difensiva ideale e penso faccia bene a continuare a puntare principalmente su i titolari attuali".

tutte le notizie di