Torino, Iago Falque: “Ho scelto di rimanere perchè sono fiero di questa squadra, tifosi unici. Sfidare CR7…”

Torino, Iago Falque: “Ho scelto di rimanere perchè sono fiero di questa squadra, tifosi unici. Sfidare CR7…”

Il centrocampista si racconta: “Torino è la città ideale per me, la squadra mi piace molto e sono convinto che disputeremo un’ottima stagione”

Iago Falque è un patrimonio del Torino.

Più volte, infatti, il presidente Urbano Cairo ha ribadito che lo spagnolo è una pedina fondamentale della squadra granata, allontanando così, tutte le pretendenti che si sono fatte avanti anche nel corso dell’ormai conclusa finestra estiva di mercato.

Nonostante le lusinghe e l’insistente corteggiamento del Siviglia, il centrocampista classe ’90 ha scelto di continuare a giocare per il Toro, e ai microfoni di ‘Tuttosport’, ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a rimanere alla corte di Walter Mazzarri: “Sono rimasto perchè sono fiero di questa squadra, mi piace questo Toro, sono convinto che disputeremo un’ottima stagione. Avevo diverse offerte ma non ho mai pensato di andare via non ho mai avuto dubbi su quale fosse la scelta migliore. Ci sono tutte le premesse per fare bene. Anche le prime tre partite sono state positive. Specie la rimonta di San Siro, entusiasmante e più preziosa di una vittoriaLa vittoria con la Spal ci ha permesso di arrivare alla sosta nel modo migliore. Zaza ha reso più forte il nostro attacco. Mi ha fatto piacere vedere lui, Belotti e Sirigu con l’Italia, ma anche Baselli rientrerà”.

“Torino – ha continuato – è la città ideale per me. I tifosi non sono mai nè invadenti nè inopportuni. Sono sempre educati. C’è una differenza tra i nostri tifosi e quelli di altre squadre. La memoria di Superga, la passione tramandata di padre in figlio. I tifosi granata sanno che sono uno di loro. E io so che il giorno lontano in cui me ne andrò non verrò dimenticato” 

Chiosa finale sul trasferimento di Cristiano Ronaldo alla Juventus: “La Serie A sta riconquistando attenzione. E il livello, perchè CR7 ha indotto la concorrenza a rafforzarsi. Tra lui e Messi voto Messi, ma sono contento di affrontarlo. Il derby sarà una grande partita. Fra tre mesi saremo al massimo – ha concluso l’ex Roma“. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per mediagol // fine configurazione per mediagol