VIDEO, La Roma vuole il VAR in Champions League e scherza sui social: “Ecco perché serve…”

VIDEO, La Roma vuole il VAR in Champions League e scherza sui social: “Ecco perché serve…”

La trovata dei social media manager del club giallorosso: Perotti sgambetta il figlio, l’arbitro concede il rigore col VAR. Il video diventa virale

di Mediagol23, @Mediagol

di Luca Bucceri

Un cammino sorprendente ha portato gli uomini di Eusebio Di Francesco fino alla semifinale di Champions League, un sogno infrantosi solo a pochi passi dal capitolo finale contro il Liverpool.

Dopo il 5-2 subito ad Anfield la Roma è andata vicino alla qualificazione alla prossima finale di Kiev vincendo 4-2 all’Olimpico, risultato inutile ma che ha dato di certo la giusta forza ai giallorossi per concludere al meglio la stagione. Dopo la remuntada al Barcellona, il club capitolino ha visto svanire il sogno finale anche a causa di alcune decisioni dubbie da parte del direttore di gara Skomina. Due calci di rigore infatti non sarebbero stati assegnati per fallo di Karius su Dzeko e fallo di mano di Alexander-Arnold sulla conclusione di El Shaarawy, errori di certo evitabili con l’utilizzo del VAR.

Ed ecco che i social media manager del club giallorosso si sono sbizzarriti, pubblicando sul profilo Twitter della società un video con una chiara denuncia all’UEFA: “Ecco perché serve il VAR in Champions League“. Le immagini riprendono il numero 8 Diego Perotti mentre, sul prato dell’Olimpico gioca col figlio. Uno sgambetto impercettibile dell’argentino fa partire il check al VAR: l’arbitro (le immagini si riferiscono ad Abisso della sezione di Palermo) corre a bordo campo e, dopo aver visionato il replay, sanziona nell’immaginario il fantasista con il rosso concedendo a Perotti jr il tiro dagli undici metri. Un video divertente diventato subito virale sui social, una denuncia poiché anche i tocchi più impercettibili possono essere analizzati al meglio con l’ausilio del VAR.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy