Secolo XIX su Balotelli: “Cosa ci andava a fare a Palermo? A litigare con Zamparini e insultare quei…”

Riflettori puntati per ‘Il Secolo XIX’ sulla scelta da parte di SuperMario di scegliere Nizza, anziché sposare la causa rosanero.

5 commenti

Mario Balotelli show alla sua prima gara ufficiale in Ligue 1 con la maglia del Nizza.

All’Allianz Riviera, nel match valido per la quarta giornata di campionato, la squadra di Favre ha battuto l’Olympique Marsiglia: 3-2 il risultato finale e doppietta dell’attaccante classe ’90, a lungo seguito dal Palermo di Maurizio Zamparini nella seconda metà di agosto.

Una scelta, quella di SuperMario di lasciare la Serie A, analizzata dall’edizione odierna de ‘Il Secolo XIX’.

“Aveva ragione Balotelli. Una di quelle frasi che sembrava impossibile pronunciare. Tipo ‘Il Pd è un partito unito, senza invidie e faide interne’ o ‘Capolavoro l’ultimo di Gigi D’Alessio’. E invece ti dirigi verso l’Allianz Riviera circondato da maglie del Nizza, dell’Italia e perfino del Milan col nome di Balotelli, entri e vedi lui, a 7 minuti dall’esordio segnare il rigore dell’1-0, concedere il bis di testa, sorridere, perfino correre, ogni tanto, e capisci che sì, aveva ragione Balotelli a emigrare, snobbare questa Serie A decadente di nubifragi e quarantenni. Lo volevano Chievo e Palermo, lui ha scelto Nizza inseguito dal solito coro ego riferito di tifosi e opinionisti: ‘Cosa vai a fare in Francia? È un campionato di serie B, devi rimetterti in gioco qui’. E perché? A vedere gli spalti durante Nizza-Marsiglia, solo un paio di derby italiani possono rivaleggiare per atmosfera. Uno stadio nuovo, pieno, bello. Ma ci siete mai stati al Bentegodi a vedere il Chievo? No? E chi ci va? C’è più gente in coda dal parrucchiere al lunedì o a vedere i giocolieri ai semafori. Una squadra simpatia, una società che lavora bene. Ok. Ma è pur sempre il Chievo. Per non dire del Palermo – si legge –. Cosa ci andava a fare? A litigare con Zamparini? A insultare quei dieci figuranti che contro il Napoli sembravano sorteggiati tra il pubblico al concorso ‘gioca anche tu una partita di calcio con Diamanti’? Mario voleva fuggire dal suo passato, e noi siamo il passato, in tutti i sensi. In più, il calcio francese ben si addice alle caratteristiche di Balotelli: molto fisico, veloce, poco tecnico: portieri non imbattibili, perfetti per il suo tiro potente; difensori che portano la palla lasciando sguarnite le difese; gente che dribbla e scatta dimenticandosi il pallone: degli Iturbe venti centimetri più alti e con fisici statuari, belli da vedere perfino quando inciampano. Insomma, sembra tutto apparecchiato per fargli fare bella figura, e infatti la fa. […] La stessa camminata al Chievo sarebbe criticata e paragonata alla corsa indemoniata di Meggiorini, ‘che lui sì che cimette il cuore’. Rendendo Mario più triste della curva clivense. Tra i 22 in campo a Nizza, i bianchi si contano sulle dita di una mano. E anche questo è un fardello in meno per Balotelli. Lui che ha sempre sofferto il razzismo di molti stadi della Serie A, l’etichetta dell’italiano nero. Era diventato l’elefante nella stanza e quello nella cristalleria. Impossibile per gli altri ignorarlo. Impossibile per lui non spaccare tutto. Se poi avesse nostalgia dell’Italia ci sono sempre i cori dei tifosi. […] Sarà che gli hanno assegnato il 9, la maglia del centravanti, togliendogli quel 45 che si ostinava a indossare: un numero buono per la Moto Gp, non per tornare a essere calciatore”.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vicio64 - 2 settimane fa

    siamo diventati motivo di discorsi sarcastici,tutti col ghigno malefico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PinkPrince - 2 settimane fa

    Bah, secondo me a Balotelli non importa niente dello stadio, dei tifosi, dei difensori scarsi, ecc. A lui interessa solo quanti soldi avrebbe preso andando a Nizza. Punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. spargi49 - 2 settimane fa

    Indirettamente l’ articolista valorizza il nostro campionato, asserendo che nel campionato francese si corre ma non sanno dribblare le difese sono larghe e i portieri fanno un po’ schifo,dimenticando però di dire che la Francia ci ha messo sotto in amichevole e poi si è giocata la finale degli europei grazie al loro calcio scadente. boh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vabbe' - 2 settimane fa

    articolo che non fa una grinza…..specchio fedele di quell’accozzaglia di arroganza,presunzione e malafede che c’è attualmente all’interno della societa’ calcio Palermo….sperando sempre che Zampamarket si tolga al piu’ presto dalle p……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Massimo Di Gregorio - 2 settimane fa

    Già lo celebrano per una sola partita. Vediamo fra tre mesi se a Nizza saranno ancora tutti per lui o se si ripeterà il copione già visto a Liverpool, quando verso fine anno cominciarono finalmente a capire, società e tifosi, chi era veramente Balotelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy