Santiago Rosales: da manovale a giocatore del Palermo in A, senza l’autorizzazione del club

Santiago Rosales: da manovale a giocatore del Palermo in A, senza l’autorizzazione del club

Fino al 2013 lavorava come manovale nel cantiere di suo zio, poi la svolta. L’Aldosivi, sulla carta, attende il giocatore per il 20 giugno e non ha autorizzato un bel niente, il suo procuratore ha lanciato il guanto di sfida.

6 commenti

Acchiappa-plusvalenze

“I migliori attaccanti? Arrivano dall’Argentina, non ci sono dubbi. Per questo li vado a cercare lì”.

Dopo averlo dimostrato coi fatti per anni e anni, Maurizio Zamparini, nel corso della turbolenta annata appena trascorsa, lo ha anche ammesso: non è un caso che l’occhio del presidente cada più che spesso nell’America Latina quando vi sia da cercare una punta talentuosa da presentare all’Europa. Gli esempi? Diversi. Non tutti argentini, ma comunque sud-americani. Si parte da Edinson Cavani, per passare ad Abel Hernandez, quindi a Javier Pastore, Paulo Dybala e Franco Vazquez (quest’ultimo solo in teoria sotto contratto col Palermo, ma di fatto già virtualmente venduto al miglior offerente).

In attesa di scoprire ciò che sarà del club di viale del Fante (nelle intenzioni del patron friulano vi sarebbe la cessione di parte delle quote della società già nei prossimi mesi, quindi la presidenza onoraria per un altro paio di anni), il meccanismo ‘acchiappa-plusvalenze‘ continuerà ad essere questo. L’ultimo potenziale gioiello segnalato dai talent-scout rosanero al numero uno di Aiello del Friuli prende il nome di Santiago Rosales, duttile attaccante classe ’95 (non possiede il passaporto comunitario) nato nella provincia di Buenos Aires, a Mar del Plata.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ZAMPAVATTENE!! - 10 mesi fa

    Cominciamo con le …azzate di stagione…ahahahahhahaahhahahahahaha!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Louie15 - 10 mesi fa

    Grande, l’attaccante dell’Algasiv ci mancava…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Louie15 - 10 mesi fa

    I giocatori “in prospettiva” servono se hai una squadra decente, che sai che si possa salvare in tranquillità. Questo qui potrà pure essere un fenomeno – di sicuro adesso non lo è e a giudicare dalle statistiche non credo lo diventerà mai – ma allo stato attuale delle cose è solo una spesa inutile, considerate anche le magagne che usciranno fuori per questi classici inghippi sudamericani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ciccio - 10 mesi fa

    Sicuramente diventerà il nuovo dybala (forse speriamo) ma credo di aver capito che ha fatto solo 30 partite e 5 gol e combinano un macello per prenderlo buu ma mettersi d’accordo con la sua società noo credo che non sarebbe costato molto ora invece ricorsi contro ricorsi per al momento uno sconosciuto la solita società manicomio .Ma foschi lo sapeva?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. nick - 10 mesi fa

    a parte che si ricomincia da dove si era lasciato e cioè con i carneadi stranieri ma poi perchè infilarsi in sta situazione ingarbugliata..poi ci si lamenta che i procuratori sono avvoltoi e delle cause

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giano - 10 mesi fa

      Purtroppo non c’è alternativa. Se vuoi ingaggiare una giovane promessa in Argentina devi sottostare a queste situazioni equivoche. Comunque se il giocatore è valido io non mi preoccuperei molto dei procuratori. Ricordiamoci che Pastore e Dybala non sarebbero arrivati a Palermo se ci si fosse fermati davanti alle difficoltà burocratiche. Questo Rosales sembra forte. Andiamo avanti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy