Palermo: Zamparini annuncia di mettere fuori rosa alcuni giocatori, ecco a chi si riferisce

Palermo: Zamparini annuncia di mettere fuori rosa alcuni giocatori, ecco a chi si riferisce

I provvedimenti del presidente friulano

10 commenti

di Claudio Scaglione

“Mi sono vergognato per come alcuni giocatori hanno espresso in campo la loro apatia. Molti di questi non verranno più convocati”. Promette duri provvedimenti il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini: alcuni dei rosanero che quest’oggi sono stati schierati dall’inizio da Davide Ballardini saranno messi fuori rosa. Non proprio semplice individuare chi verrà incluso in questa disposizione. Di certo, il patron rosa non potrà prendersela con Simone Colombi, portiere che quest’oggi è stato un po’ abbandonato dai compagni e, quando ne ha avuto la possibilità, si è messo in luce con interventi prodigiosi. Non rientra nella cerchia dei calciatori da punire nemmeno Alex Trajkovski, il cui desiderio di decidere la gara del Barbera è stato comunque palesato nel secondo tempo (nonostante nella prima frazione, il macedone abbia un po’ sonnecchiato).

Secondo il punto di vista dell’imprenditore friulano, inoltre, nemmeno Franco Vazquez dovrà saltare le prossime partite per scelta societaria: l’esosa e già promessa cessione del Mudo rappresenta una manna dal cielo per le casse del club di viale del Fante. L’italo-argentino non può non giocare.

All’appello rimangono Andrea Rispoli, Sinisa Andelkovic, El Kaoutari, Fabio Daprelà, Luca Rigoni, Enzo Maresca e i due svedesi Oscar Hiljemark e Robin Quaison.

Rigoni e Maresca – I due sono stati definiti ‘anziani’ dal patron in un’intervista a inizio settimana: Zamparini intendeva dire ‘esperti‘, ma l’ex Chievo non ha colto e ha dato avvio a una polemica durata poco più di 24 ore. Polemica che poi lo stesso classe ’84 ha provato a minimizzare dando la colpa ai giornalisti (dopo che, il giorno precedente, aveva scritto “io porto rispetto e lo pretendo anche da chi mi dà dell’anziano“). Caso simile anche quello relativo a Enzo Maresca: un po’ come capitato al compagno Luca, l’ex Siviglia ha approfittato dei social network per commentare una scelta del suo datore di lavoro che intanto esonerava Iachini. Zamparini promise anche in quella circostanza dei provvedimenti e – fino alla gara di Coppa Italia contro l’Alessandria – il regista di Pontecagnano Faiano ha conosciuto solamente la panchina.

Hiljemark e Quaison – Sono due dei giocatori su cui il presidente fa maggiormente affidamento in vista delle plusvalenze delle prossime sessioni di mercato. Zamparini sa che tenerli volutamente fuori significherebbe arrestare il processo di maturazione di due giovani che necessitano di imparare e sbagliare in campo.

I restanti – Chi rimane in questo particolare elenco, curiosamente, gioca in difesa, vale a dire il reparto che più ha fatto preoccupare i tifosi del Palermo quest’oggi (a proposito, erano di più quelli di fronte alla tv che i presenti al Barbera). Parliamo di Rispoli, Andelkovic, El Kaoutari e Fabio Daprelà. Per i primi due il patron ha avuto quasi sempre un occhio di riguardo: Zamparini non ha mai nascosto che, sebbene presenti alcuni limiti tecnici, la voglia di correre e rincorrere di Rispoli sia da premiare; sullo sloveno, invece, un affetto nato qualche anno fa e mai tramontato. Quanto ad El Kaoutari, non può passare inosservata la sua (per usare un eufemismo) insufficiente performance di quest’oggi. Possibile che il provvedimento si estenda all’ex Montpellier e anche Daprelà, ormai ai ferri corti con la società e quasi certo che il suo contratto (che ha scadenza giugno 2016, ndr) non verrà rinnovato.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. RosAnero - 1 anno fa

    Alcuni facevano finta di giocare, giusto prendere provvedimenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nick - 1 anno fa

    A proposito i 3/4 campioni a livello di dybala di cui uno da annunciare entro novembre unni su?perché poi non vorrei che finisce come al solito che scompaiono e che ci possiamo permettere solo i giocatori della cremonese

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nick - 1 anno fa

    Mz si mettesse lui fuorirosa
    La gestione degli ultimi anni è andata a peggiorare continuamente da quando ha deciso che deve fare tutto lui a distanza e ridotto i dirigenti a figurine
    Gli allontanamento prima di perinetti e poi di iachini sono senza logica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. DarioPa - 1 anno fa

    Scusate ma effettivamente togliendo Vazquez cos’ha di serie A questa squadra?
    Bisogna essere obbiettivi.. Non è squadra proponibile in serie A! Non ci sono tanti discorsi da fare, il Presidente è convinto che siamo da Europa ma purtroppo il campo dimostrerà che siamo da B e per di più con lo spogliatoio guasto non abbiamo dove andare!
    è davvero triste il momento, spero di sbagliarmi ma almeno con la testa siamo già retro”cessi”.
    Non ho parole per manifestare quanto disgusto e quanta vergogna.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. joerosanero - 1 anno fa

      vasquez ci ha lasciato in 10 dopo 20 minuti è soprattutto colpa sua la sconfitta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. cicciogoal - 1 anno fa

    Perdere contro una di lega pro è una vergogna a prescindere. Vazquez fuori al 22 esimo…. un presidente che sproloquia, va bè dai su… siamo in balia delle onde. A sti ragazzini di meno di 30 anni non gli si possono chiedere cose impossibili, pertanto la colpa sta soprattutto nella dirigenza, poi è chiaro che in campo devi comportarti come un professionista anche se giochi contro gli “scapoli”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vincenzo palumbo - 1 anno fa

    sui difensori fosse vero che li tiene fuori,ma il resto tenerli fuori ci danneggerebbe ancora di +

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. nick - 1 anno fa

    Siamo al due dicembre e hai messo in vetrina vasquez col prezzo sono i tifosi a vergognarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Louie15 - 1 anno fa

    Zamparini la deve finire, non c’è altro da dire. Fai scendere in campo le tue corna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Giuseppe Sciortino - 1 anno fa

    Hiljemark ogni pallone che toccava lo perdeva , Andelkovic non lo visto proprio in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy