Palermo: panchina rosa, è partita aperta. Zamparini-Iachini è disgelo. Ballardini e la Fatal Verona

Palermo: panchina rosa, è partita aperta. Zamparini-Iachini è disgelo. Ballardini e la Fatal Verona

Le ultime sulla panchina rosanero.

5 commenti

La paradossale telenovela sulla panchina del Palermo di Maurizio Zamparini sembra non poter trovare soluzione di continuità. I colpi di scena in serie maturati nel giro di un paio d’ore in seguito alla sconfitta contro la Fiorentina potrebbero non essere gli ultimi. Paradossale la posizione di Davide Ballardini, prima di fatto sollevato dall’incarico, quindi frettolosamente richiamato al suo posto dal patron, dopo l’epilogo burrascoso della telefonata tra lo stesso Zamparini e Beppe Iachini che avrebbe dovuto preludere al ritorno in sella del tecnico marchigiano esonerato ai primi di novembre proprio in luogo dell’allenatore ravennate.

Secondo indiscrezioni raccolte dalla redazione di Mediagol.it, la partita è ad oggi ancora aperta e la revoca dell’esonero di Ballardini è stata dettata più da questioni prettamente logistiche che non da un repentino ravvedimento del patron friulano: sia chiaro, le divergenze rivedute tra Zamparini e Iachini sulle quali vi abbiamo già documentato permangono nette e difficilmente conciliabili, ma nonostante i toni aspri del confronto, non vi sarebbe stata una rottura dai contorni bruschi e definitivi. Iachini, una volta formulate le sue richieste al patron al fine di riprendere il manico della squadra con concrete chance di perseguire l’obiettivo salvezza, avrebbe comunque preso tempo, riservandosi di dare una risposta definitiva dopo il match di domenica al Bentegodi di Verona. Ragion per cui, la conferma di Ballardini un atto ragionevolmente irrinunciabile, anche e soprattutto per ragioni temporali. Dal canto suo, il tecnico ravennate, comprensibilmente imbarazzato dalle caotiche dinamiche della questione, dovrà giocarsi il posto con uno stato d’animo non certo ideale proprio nell’incrocio salvezza contro gli scaligeri. Ballardini, la cui legittimità del ruolo non è stata di certo rinsaldata agli occhi della squadra dagli ultimi stucchevoli avvenimenti, cercherà con la professionalità e la flemma a lui proprie,  di salvare il posto ottenendo un risultato positivo. L’epilogo del match contro Toni e compagni sarà senza ombra di dubbio il crocevia definitivo della sua seconda esperienza sulla panchina del Palermo.

Un ulteriore flop renderebbe automatico il suo esonero, creando i presupposti per una riapertura del dialogo tra Zamparini e Beppe Iachini. Le posizioni tra i due al momento rimangono distanti, ma sono in corso febbrili tentativi di mediazione per trovare un punto di convergenza e spianare la strada al ritorno del tecnico marchigiano sulla panchina rosanero. Iachini è stato chiaro e non intende recedere di un minimo rispetto alle garanzie richieste: ok l’arrivo di Cristante, ma urgono almeno tre innesti dal profilo ben delineato, elementi di carisma e qualità pronti fin da subito per far fare un immediato salto di qualità al gruppo. L’allenatore marchigiano vuole giocarsi le chance di salvezza a modo suo: piena condivisione nelle scelte di mercato; l’auspicio di valutare l’ipotesi del reintegro in rosa di Enzo Maresca, ritenuto figura importante in termini di spessore, personalità e leadership dentro e fuori dal campo; autonomia totale nelle scelte tecnico-tattiche con relativo ritorno al 3-5-1-1, modulo che a suo avviso si addice maggiormente alle caratteristiche di questa squadra; fiducia e piena titolarità ai senatori Sorrentino e Gilardino, valore aggiunto sul piano tecnico nell’immediato, al di là di ogni aspetto anagrafico e contrattuale, così come il rilancio di fidi gregari, quali Vitiello e Andelkovic, in grado di garantire affidabilità e piena conoscenza di dettami e movimenti del suo verbo calcistico. Ovviamente ciò comporterebbe una drastica riduzione dello spazio di quegli elementi maggiormente utilizzati nell’era Ballardini e che il tecnico ascolano non ritiene ancora idonei per fornire garanzie nell’immediato nel ruolo di titolare. Carta bianca e scelte ispirate da matrici solo ed esclusivamente di natura tecnica. Questa la ricetta per la salvezza dettata da Iachini che, se avallata dal patron, porterebbe ad una chiara inversione strategica e gestionale sul mercato e non solo rispetto alla politica attuata nell’ultimo periodo.

Non sarà facile, visto l’orgoglio e la personalità tracimante che contraddistingue il presidente rosanero, che Zamparini decida di advenire in toto alle richieste avanzate dal mister marchigiano, ma un ulteriore passo falso al Bentegodi e lo spettro della retrocessione potrebbero  portarlo a miti consigli, creando quindi i presupposti per il ritorno di Iachini in Sicilia. In questo caotico scenario, Davide Ballardini si appresta a guidare la squadra in un match delicato per il futuro del club di viale del Fante quasi da separato in casa.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Louie15 - 1 anno fa

    Ballardini dovrebbe fare una cosa sola: rassegnare le dimissioni e lasciare Zamparini nella me…a

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giano - 1 anno fa

    Spero che Ballardini, prima di andarsene, abbia l’autonomia di schierare domenica a Verona una formazione che non entri in campo già sconfitta come quella schierata all’inizio contro la Fiorentina. Quindi:
    Sorrentino;
    Struna, Gonzales, Andjelkovic;
    Morganella, Jajalo, Brugman, Hiljemark, Lazaar;
    Vazquez, Gilardino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sicciaroto - 1 anno fa

    Che bel quadretto!!!
    Solo con un presidente come Zamparini si possono verificare queste situazioni al limite del grottesco.
    Povero Palermo e poveri tifosi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mainaldo Maneschi - 1 anno fa

    Io rimango dell’idea che il problema principale sta nel non avere una figura, come quella di Foschi o di Sabatini, che faccia da tramite con la squadra, smorzando le frenesie del presidente. Ormai da troppi anni non esiste più una figura di spicco che sia capace di prendere in mano la situazione. Di conseguenza è logico che se Zamparini è libero di agire come vuole, mettendoci i soldi, faccia esattamente come vuole. Una società che si rispetti necessita del rispetto di ruoli ben definiti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Secondo me oggi caccia Ballardini, la partita la prepara Iachini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy