Palermo: lettera aperta di Zamparini ad Agenzia Entrate e Riscossione Sicilia

Palermo: lettera aperta di Zamparini ad Agenzia Entrate e Riscossione Sicilia

La lettera aperta del presidente del Palermo, Maurizio Zamparini. Oggetto: Pignoramento ai danni della società Palermo Calcio effettuato nei giorni scorsi presso la filiale Bca Unicredit di Palermo.

15 commenti

Maurizio Zamparini rompe il silenzio. Lo fa con una lettera aperta pubblicata sul sito ufficiale del club.

Sono giorni caldissimi per la panchina dei rosanero: all’indomani del match perso contro l’Empoli, il patron friulano aveva deciso di affidare la guida della Prima Squadra a Roberto De Zerbi, sollevando dall’incarico Eugenio Corini. De Zerbi, però, non ha accettato le condizioni. Così, ad oggi, è rimasto Corini: nessuna volontà di rassegnare le dimissioni da parte del mister di Bagnolo Mella. Ma Zamparini si sta guardando attorno per trovare un profile a suo senso più congeniale per il girone di ritorno.

Corini ai giocatori: “Non fa parte di me abbandonare la nave che affonda”

Nella lettera in questione, tuttavia, il patron affronta altre tematiche.

Oggetto: Pignoramento ai danni della società Palermo Calcio effettuato nei giorni scorsi presso la filiale Bca Unicredit di Palermo

Egregi signori dirigenti di Agenzia Entrate e Riscossione Sicilia,
metto sul nostro sito questa lettera aperta poiché desidero che la gente sappia come è condotto questo Paese gestito da una burocrazia finanziaria contro i cittadini e le società che producono ricchezza ed entrate per la Regione Sicilia.
La Riscossione Sicilia ha effettuato un pignoramento per circa € 200.000 sui conti correnti del Palermo Calcio presso Unicredit, per un contenzioso relativo agli anni 93/94, ereditato dalla gestione Sens, contenzioso che a detta dei miei commercialisti mi dicono scaduto nei termini e perciò pretestuoso e non dovuto.
Ma questo ha poca importanza: ha importanza che un pignoramento presso una banca provoca una totale segnalazione sul sistema con danni notevoli per la gestione societaria e di immagine.
Il tutto nei confronti di una società che è uno dei maggiori contribuenti delle entrate fiscali della regione Sicilia.
Infatti dai dati rilevati la società Palermo Calcio ha durante gli anni della gestione Zamparini, dal 2002/2003 a oggi, versato come imposte la cifra di 265.072.738,01.
Nell’anno 15/16 la cifra di 24.779.965,96

Allora mi domando: ma come fate a maltrattare, fra l’altro ingiustamente, una società che tanto produce per le entrate regionali?

Cosa succederebbe se il Palermo Calcio chiudesse per vostra colpa, provocando perciò per colpa vostra un danno irreparabile alle entrate regionali???

Certamente voi non vi fate domande, il vostro scopo è distruggere senza guardare davanti o dietro, senza motivazione ma con la rabbia ed il potere di chi anche se distrugge rimane impunito.
I cittadini, la gente, devono sapere e ricordarsi quando è chiamata alle urne la realtà dei fatti: la politica ci lascia tutti i giorni nelle mani di persone irresponsabili e impunibili.
Non abbiamo più quasi nessuna istituzione dello stato amministrativo che ci difende: unica speranza non rimane che l’unico potere che può difenderci, La Magistratura, così come ha fatto con tangentopoli, lo faccia oggi con Fiscopoli.

Noi tutti sudditi ci sentiamo di fronte a questa gestione statale indifesi e disperati: Voi che avete il potere per farlo aiutateci a farci riavere i nostri diritti!!!

Il Presidente Maurizio Zamparini

15 commenti

15 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. robyyz - 10 mesi fa

    e questa la risposta: “Noi siamo pienamente disponibili a incontrare la società. Io stesso sono pronto a vedere Zamparini o i suoi collaboratori anche domani, per cercare la soluzione adatta. Però è singolare che si faccia una dichiarazione pubblica di quel tipo quando invece esistono le sedi adatte per discutere un contenzioso. Perché Zamparini non è venuto da noi, invece di pubblicare quella lettera? Se Zamparini pensa che quel pagamento non è dovuto, non possiamo essere noi a dirlo, ma un giudice tributario. Che una cifra così irrisoria per una società così importante possa addirittura causarne la chiusura, mi sembra improbabile. Anche perché nel conto cui fa riferimento Zamparini abbiamo trovato appena duemila euro. Quindi non abbiamo materialmente potuto pignorare la somma prevista. “Questa è pura demagogia. Il danno di immagine alla società? Se c’è un incendio, la colpa non è mica dei Vigili del fuoco che vanno a spegnerlo”. zamparì…per cortesia almeno stai zitto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Peppe - 10 mesi fa

    Mischino unnave picciuli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Wolf979 - 10 mesi fa

    Certo, ste sceneggiate spuntano sempre prima delle sessioni di mercato. Guarda caso!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ronemax - 10 mesi fa

    …. disse quello che di distruzioni se ne intende….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. kmx - 10 mesi fa

    È vero burocrazia e pressione fiscale sono un problema in Italia e soprattutto in Sicilia dove addirittura in cambio non abbiamo servizi. Con la stessa onestà intellettuale bisogna però chiedersi: i problemi di liquidità del Palermo coincidono con il pignoramento? Da dove deriva la necessità di un risicato pareggio di bilancio annuale? È un problema di una sola operazione mal condotta (acquisto Dybala) oppure della gestione finanziaria e economica del club? Non ci è stato detto per anni che la.plusvalenza da compravendita è l’unico modo per far quadrare i conti? Quanto incidono allora i costi per le intermediazioni (notate che nel bilancio se diminuisce la voce monte ingaggi il costo del lavoro aumenta)? Perché società con entrate da diritti tv e che si immagina paghino le tasse nella.loro regione non hanno gli stessi problemi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. toto1958 - 10 mesi fa

    Speriamo che facciano invece un accertamento in tutte le attività di questo gran “benefattore”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Alberto-Londra - 10 mesi fa

    Fatemi capire: l’agenzia delle entrate fa il suo dovere, pignorano beni per 200 mila Euro ( 1% del valore della contribuzione fiscale alla regione Sicilia cui fa riferimento zamparini) e lui si lamenta? Ma questa è una notizia di poco conto.
    200mila euro sono spiccioli per una società che si permette di cambiare 8 allenatori e direttori sportivi.
    Al che mi domando perché tempo fa se n’è uscito con la storia di Unicredit ed ora con questa?
    La risposta che mi sono dato è che un colpevole per la non campagna acquisti bisogna pur trovarlo e chi meglio di una banca o dell’erario?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Eterno Palermo - 10 mesi fa

    Preparatevi al grande evento tragico. E finita ragazzi. Il Palermo farà la fine del Venezia. Fidatevi e tutto organizzato nel minimo dettaglio. E di sicuro zamparini non può aver fatto tutto da solo.. a palermo poi. No nn ci credo. Bravi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. nick - 10 mesi fa

    lungi da me difendere i burocrati e la politica ma in questo momento sta lettera mi sa solo di tentativo per sviare l’attenzione e fare l’ennesima parte della VITTIMA quando lui è il carnefice della palermo calcio,ma poi:
    “Certamente voi non vi fate domande, il vostro scopo è distruggere senza guardare davanti o dietro, senza motivazione ma con la rabbia ed il potere di chi anche se distrugge rimane impunito.”

    da che pulpito viene la predica,sono anni che smantella fregandosene dei tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Eterno Palermo - 10 mesi fa

    Ragazzi sta arrivando l’apocalisse. Aspettatevi cose brutte molto brutte…e già stato tutto messo a tavolino… Grande zamparini. Tu e chi ti spalleggia cioè sempre qualcuno molto vicino a noi. E di questo ne sono molto sicuro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. sandro.v_195 - 10 mesi fa

    Non vedo nessuna differenza tra lei che conduce la società Palermo calcio è l’agenzia delle entrate.
    Lei Zamparini se ancora non lo ha capito se ne deve andare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. vincenzo palumbo - 10 mesi fa

    ma la smetta ma x favore piuttosto si vergogni di aggrapparsi a cose che non ci azzeccano un bel bip con tutto quello che ha combinato negli ultimi 5 anni e x come fino a questo istante gestisce il nostro amato palermo e x non parlare di come ci offende a noi tifosi. le ricordo che in altre piazze le avrebbero tirato giù la pelle di dosso noi palermitani (e lo puntualizzo con estremo orgoglio)fino a qui siamo stati più che civili ma si vede che non basta, lei ci deve usare la cortesia e il favore di sparire al piùpresto quindi di cercare di cedere prima possibile il palermo anche in B non importa basta che il suo nome e cognome non figuri mai più nell’organigramma del nostro club. vergogna e ancora vergogna sono stufo e angustiato non ne posso più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Stefano Ralli - 10 mesi fa

    Tanto passionale quando si parla di soldi quanto freddo e distaccato quando si parla di retrocessione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Fabio Monastero - 10 mesi fa

    Ma quanto ti odiamo a Palermo? Quantoooooo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. xmen - 10 mesi fa

    Anziché continuare a scrivere lettere a chi devi pagare le tasse, perché non scrivi una bella lettera di scuse alla tifoseria rosanero per le continua umiliazioni a cui la sottoponi per via di una gestione societaria a dir poco ballerina, finalizzata a tutto tranne che a quello di raggiungere traguardi sportivi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy