Palermo: contro l’Atalanta a porte chiuse, ecco perché la società non farà ricorso. E gli abbonati…

Palermo: contro l’Atalanta a porte chiuse, ecco perché la società non farà ricorso. E gli abbonati…

Gli abbonati contestano la scelta del Giudice Sportivo, ma il club non farà ricorso: mercoledì 20 si giocherà a porte chiuse.

Il Palermo ha deciso. Il club di Maurizio Zamparini non farà alcun ricorso contro la sentenza del Giudice Sportivo che costringerà i rosanero a giocare la terzultima gara interna, contro l’Atalanta, a porte chiuse.

Una scelta che sta facendo alzare la voce agli abbonati. Sì, perché il provvedimento adottato da Tosel penalizza soprattutto loro. C’è chi continua a chiedere alla società di presentare ricorso per ottenere almeno la riapertura degli altri settori, chi prova a chiedere un rimborso per la quota partita già versata a scatola chiusa durante la campagna abbonamenti. Questa, però, è l’unica delle ipotesi che non potrà essere presa in considerazione né dalle associazioni dei consumatori, né tantomeno dai singoli abbonati. Nel contratto sottoscritto al momento del tesseramento – scrive l’edizione odierna de ‘La Repubblica’ -, si legge chiaramente che ‘l’obbligo di giocare partite a porte chiuse non genera diritto al rimborso. Fatto salvo il caso della responsabilità diretta giudizialmente accertata della società’. Ma dal club fanno sapere che non è certamente questo il caso.

L’unica strada percorribile per la tutela degli abbonati resta solamente quella del ricorso; ricorso che dovrebbe essere la società stessa a inoltrare. E il Palermo – salvo imprevisti cambi di rotta delle prossime ore – non farà niente di simile. La spiegazione – si legge – è da ricercare nelle motivazioni che hanno accompagnato il provvedimento. I fatti denunciati al giudice sportivo sono esposti secondo una scala di gravità tale da non lasciare particolari margini di successo. Presentare un ricorso, con l’alta probabilità di vederselo respingere, non farebbe fare una buona figura a una società che in questo momento non gode certo di una buona considerazione fra addetti ai lavori e tifosi di calcio, soprattutto dopo le immagini televisive che hanno fatto il giro di tutti i telegiornali alle quali fa riferimento anche il giudice sportivo nelle motivazioni del suo provvedimento. Non si sa ancora nulla, invece, per ciò che concerne gli ultrà che, di fatto, con il loro atteggiamento hanno determinato la sanzione del giudice sportivo. “La strategia sarà decisa nei prossimi giorni dai singoli gruppi e anche su questo aspetto non c’è per nulla unità di intenti. L’unico nemico comune resta sempre la proprietà”, conclude il quotidiano.

9 commenti

9 commenti

  1. Roberto Lupo - 9 mesi fa

    Perché la società vuole retrocedere !!…grazie a tutti ma nn prendeteci per il kulo ….

    Mi piace Non mi piace
  2. Samuele Martorana - 9 mesi fa

    Secondo me stavolta dormono dentro lo stadio!

    Mi piace Non mi piace
  3. Saverio Macaluso - 10 mesi fa

    Prendetevela con il centro sociale. Fino a pochi mesi fa eravate tutti per #sui17cimettolafirma e adesso?

    Mi piace Non mi piace
  4. Giovanni Rinninella - 10 mesi fa

    Alla fine piange il giusto pu piccature cosa centrano i tifosi di gradinata e tribuna che hanno pure fischiato le curve per quei comportamenti. Alla fine la squadra sarà da serie B ma i tifosi devono dimostrare che sono da serie A e non meritano questa squadra che non corre non lotta e non si impegna.

    Mi piace Non mi piace
  5. Giuseppe Quartana - 10 mesi fa

    Nn oso immaginare se perdono di nuovo cosa potrebbe succedere…

    Mi piace Non mi piace
  6. Salvatore Lima - 10 mesi fa

    controllavano solo le persone per bene, famiglie con ragazzi, e, il bello della diretta, sequestravano le bottigliette d’acquamentre poi in campo hanno lanciato di tutto dalle cassette dello sciacquone, seggiolini, bottiglie di birra e petardi ect. Bella sicurezza. Chiedere al prefetto il quale finora non ha dato spiegazioni, credo.

    Mi piace Non mi piace
  7. Marco la Rosa - 10 mesi fa

    La quota dei mie 2 abbonamenti me la farei rimborsare da quei finti uomini della sicurezza,che controllano solo le persone x bene,perché appena vedono facce strane si cagano sotto.

    Mi piace Non mi piace
  8. Nico Patti - 10 mesi fa

    Come dice un mio amico.. forse la multa in caso venisse accettato, sarebbe più salata dell’incasso previsto…

    Mi piace Non mi piace
  9. Giovanni Piscitello - 10 mesi fa

    quelli che erano vicino ai deficienti che lanciavano i petardi dovevano fermarli o denunciarli invece si sono fatti gli affari loro, ora vi lamentate?

    Mi piace Non mi piace

Commenti chiusi

Recupera Password

accettazione privacy