Palermo, la Cassazione si è pronunciata sul sequestro dei 50 milioni: ecco la sentenza

Palermo, la Cassazione si è pronunciata sul sequestro dei 50 milioni: ecco la sentenza

I supremi giudici si sono pronunciati: è definitivo il no al sequestro dei 50 milioni di euro ai danni del Palermo Calcio

Buone notizie in casa Palermo.

Questa mattina la Cassazione si è pronunciata sul ricorso della Procura di Palermo contro il rigetto della richiesta di sequestro di 50 milioni di euro ai danni club rosanero, ritenendo inammissibile l’istanza presentata dai pubblici ministeri. Tuttavia, è stata definitivamente confermata l’intenzione di negare il sequestro, ponendo così la parola fine alla vicenda che va avanti da mesi nell’ambito dell’inchiesta che ha portato Maurizio Zamparini agli arresti domiciliari.

Pertanto, il club di Viale del Fante, dunque, può tornare a soffermarsi solo ed esclusivamente alle ultime vicende societarie, con il duo De Angeli-Foschi che entro lunedì 18 marzo dovrà pagare gli stipendi di gennaio e febbraio per scongiurare una penalizzazione di ben -4 punti, a seguito della decisione di Dario Mirri di non esercitare il diritto di opzione sulle quote del Palermo Calcio.

Ma mentre Rino Foschi, si muove per trovare le risorse necessarie al pagamento del primo bimestre del 2019, con la Banca che certifica che l’ad è un cliente affidabile, la Figc continua a monitorare la situazione insieme alla Covisoc.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy