Palermo: Foschi ha già firmato un accordo coi rosa, ma Zamparini incontrerà Nicola Salerno e Di Marzio. La situazione

Palermo: Foschi ha già firmato un accordo coi rosa, ma Zamparini incontrerà Nicola Salerno e Di Marzio. La situazione

La situazione in seno al club di viale del Fante è in evoluzione: per il patron friulano in agenda due appuntamenti che potrebbero cambiare le carte in tavola. Prima il confronto con Gianni Di Marzio, poi quello con Nicola Salerno.

4 commenti

Il numero di giorni trascorsi all’indomani del match-salvezza contro l’Hellas Verona cresce e diventa di diciannove giorni.

Quasi tre settimane caratterizzate da un palese immobilismo da parte della società di viale del Fante, le cui certezze riguardano strettamente le partenze già avvenute e quelle che seguiranno. Sorrentino, Maresca, Vazquez sono solo i primi tre nomi che figurano nell’elenco degli addii che dovrebbe completarsi con Lazaar, Quaison, Djurdjevic, etc…

Tralasciando il mercato in entrata, il cui unico colpo per qualche giorno ancora sarà quello di Ilija Nestorovski, i dubbi esistono e sono relativi a dirigenza e guida tecnica. Confermato Gianni Di Marzio, il resto è privo di consistenza. Lo è, almeno finora, il già annunciato ingaggio di Rino Foschi, quale nuovo direttore sportivo del club, e lo è anche il futuro di Davide Ballardini. Zamparini aveva spiegato come bisognasse attendere pochi giorni per sciogliere ogni dubbio su quello che sarà il Palermo 2016-17, ma l’estate sta per arrivare e al ritiro pre-stagionale manca poco più di un mese.

Un colpo di scena, intanto, potrebbe esservi nel ruolo di ds. Nella clip audio che vi abbiamo appena proposto, l’imprenditore friulano aveva annunciato il ritorno in Sicilia di Rino Foschi dopo otto anni dall’ultimo mandato in rosanero. Il ds romagnolo – racconta ‘La Gazzetta dello Sport‘ – avrebbe già firmato un accordo che verrà depositato solo l’1 luglio, quando sarà terminato il rapporto di lavoro tra il dirigente e il Cesena. Prima del suo ritorno, però, ci sono dei dettagli da limare: tra questi, gli equilibri tra le varie posizioni in società, in modo da non generare equivoci. Il ds avrebbe chiesto di lavorare in piena autonomia, senza ingerenze dall’esterno. In altre parole vorrebbe che fosse chiaro il ruolo di Gianni Di Marzio (ufficialmente consulente di Zamparini) e quello di Davor Curkovic (ufficialmente “amico” e collaboratore del patron). Oggi, per definire al meglio il ruolo di Di Marzio, il presidente del Palermo incontrerà proprio il dirigente campano. Al summit di stasera, ne seguirebbe però un altro abbastanza sorprendente: Zamparini infatti ha in agenda per domani un incontro con Nicola Salerno, consulente del Watford. Probabile possa tenere in caldo la carta di riserva.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. xmen - 1 anno fa

    Ancora non si sa quando inizierà il ritiro precampionato…non si sa chi sarà il direttore sportivo…chi sarà l’allenatore…la solita improvvisazione che ormai da qualche anno caratterizza l’operato di Zamparini che sembra non aver fatto tesoro degli errori fatti, soprattutto nella stagione appena trascorsa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Romano Michele - 1 anno fa

    Come al solito cominciamo con un gran casino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giulio Landi - 1 anno fa

    Di male in peggio…ma evitare gli scarti di Pozzo no? Con tutti i dsdisponibili! Voglio vedere come lo convincera’ non avrebbe autonomia essendoci ( speriamo resti) Di Marzio e guadagnando molto meno rispetto all’ Inghilterra la’ chissa’ quanto guadagna …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pippo Lo Cascio - 1 anno fa

    Zamparini è pericolosissimo. Da sempre. Ma ultimamente ha superato ogni limite. Povero Palermo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy