Il Collegio di Garanzia annulla la sentenza sul caso Frosinone-Palermo: si torna in appello. I dettagli

Il Collegio di Garanzia annulla la sentenza sul caso Frosinone-Palermo: si torna in appello. I dettagli

Il CONI fa un passo indietro e rende nulla la precedente decisione della Corte d’Appello Federale

di Mediagol92

Il Collegio di Garanzia si è espresso in merito alla battaglia giudiziari tra Frosinone e Palermo.

Sono stati respinti i ricorsi presentati sia dai ciociari che dai rosanero, ma l’organo giudicante ha anche chiesto una nuova valutazione delle sanzioni a carico dei ciociari e di cambiare la composizione collegio. Si tratta di un evento praticamente storico perché si torna al precedente grado di giudizio che aveva inflitto al club laziale un’ammenda di 25.000 euro e l’obbligo di disputare due gare con lo stadio “Benito Stirpe” privo di spettatori a causa del comportamento dei suoi sostenitori. Un risultato importante raggiunto da parte della società rosanero che, orfana di Giovanni Giammarva, ha ottenuto questo risultato grazie al meticoloso lavoro del suo pool di avvocati. Ecco la nota ufficiale pubblicata dal CONI:

Prima Sezione: riuniti i ricorsi di Palermo e Frosinone, annullata la sentenza CSA /FIGC del 27 giugno

La Prima Sezione del Collegio di Garanzia, presieduta dal prof. Mario Sanino, al termine della sessione di udienze tenutasi oggi, ha assunto le seguenti determinazioni:

HA RIUNITO il ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 58/2018, presentato, in data 26 luglio 2018, da parte della società U.S. Città di Palermo S.p.A. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), nonché nei confronti del Frosinone Calcio S.r.l. e della Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNP B), per la riforma e/o l’annullamento della decisione della Corte Sportiva di Appello della FIGC, a Sezioni Unite, emessa a mezzo Comunicato ufficiale n. 168/CSA del 26 giugno 2018 e n. 172/CSA, pubblicato in data 27 giugno 2018, contenenti, rispettivamente, il dispositivo e le motivazioni della decisione con cui è stato respinto il reclamo della U.S. Città di Palermo S.p.A. avverso la decisione del Giudice Sportivo della Lega B (Comunicato Ufficiale n. 200/2018), che ha rigettato le domande della Società Palermo – di sanzionare la Società Frosinone con la perdita della gara disputata in data 16 giugno 2018 con il punteggio di 0-3, di non omologare il risultato della partita ed, in linea subordinata, previa squalifica del campo di giuoco del Frosinone, di non omologare e/o annullare il risultato della predetta gara, ordinandone la ripetizione – ed ha irrogato al Frosinone la sanzione dell’ammenda di € 25.000,00, con l’obbligo di disputare due gare con lo stadio “Benito Stirpe” privo di spettatori e non ha adottato ulteriori provvedimenti sanzionatori per il comportamento dei suoi sostenitori;

CON IL

  • ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 62/2018, presentato, in data 31 luglio 2018, da parte della società Frosinone Calcio S.r.l. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), per l’impugnazione della decisione della Corte Sportiva di Appello c/o FIGC, pubblicata nel C.U. n. 001/CSA del 5 luglio 2018, le cui motivazioni sono contenute nel C.U. n. 002/CSA del 6 luglio 2018, con cui, in parziale riforma della decisione del Giudice Sportivo c/o L.N.P. Serie B, è stata comminata, nei confronti della ricorrente, l’ammenda di € 25.000,00 e la squalifica del campo per due giornate di gara con obbligo di disputare le stesse in campo neutro e a porte chiuse;

CON IL

  • ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 64/2018, presentato, in data 4 agosto 2018, dalla società U.S. Città di Palermo S.p.A. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e nei confronti del Frosinone Calcio S.r.l. e della Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNP B), per la riforma e/o l’annullamento della decisione della Corte Sportiva di Appello della FIGC, I^ Sezione, emessa a mezzo Comunicato Ufficiale n. 2/CSA, pubblicato in data 6 luglio 2018, con cui è stato rigettato il ricorso della società Frosinone Calcio S.r.l. avverso la decisione del Giudice Sportivo della Lega Nazionale Professionisti Serie B (C.U. n. 200/2018) – che ha irrogato, a carico del Frosinone, le sanzioni dell’ammenda di € 25.000,00 e dell’obbligo di disputare due gare con lo stadio “Benito Stirpe” privo di spettatori – ed è stata confermata, a carico della predetta società, la sanzione dell’ammenda di € 25.000,00 ed elevata quella relativa al campo, con la squalifica per due giornate di gara, con l’obbligo di disputare le stesse in campo neutro e a porte chiuse;

Conseguentemente, ritenendo non coerentemente sanzionata la condotta evidenziata dalla CSA FIGC rispetto alla gravità dei fatti per come descritti in decisione, HA ANNULLATO con rinvio la sentenza della CSA FIGC, di cui al C.U. n. 172/CSA, pubblicato in data 27 giugno 2018, e la sentenza della CSA FIGC, di cui al C.U. n. 002/CSA del 6 luglio 2018, onerando la CSA, in diversa composizione, ad uniformarsi, nella comminatoria della sanzione, al principio di diritto espresso in parte motiva.

HA RESPINTO per il resto le doglianze di entrambe le ricorrenti, con riferimento ai ricorsi n. 58/2018 e 62/2018.

HA DICHIARATO INAMMISSIBILE il ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 64/2018 e, per l’effetto, condanna la ricorrente alla rifusione delle spese determinate in € 3.000,00, oltre IVA, CAP e rimborso forfettario, per ciascuna parte resistente.

        HA STABILITO che la CSA provvederà a regolamentare le spese di giudizio all’esito del giudizio di rinvio con riferimento ai ricorsi n. 58/2018 e 62/2018.

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonino Olibrio - 4 giorni fa

    Altro film

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Salvo Salvo Corso - 4 giorni fa

    Dopo Serie B e Serie C, anche la Serie A torna a essere tutta da definire. Il Collegio di Garanzia del CONI, infatti, ha ritenuto non corrette le sanzioni applicate per i fatti di Frosinone-Palermo: il club rosanero chiedeva la sconfitta a tavolino dei ciociari con conseguente promozione in Serie A, mentre i giudici federali avevano sanzionato il Frosinone con una multa da 25 mila euro e l’obbligo di disputare due gare a porte chiuse. Sanzioni che, appunto, il CONI non ritiene adeguate rispetto alla gravità dei fatti descritti, ragion per cui la Corte Sportiva d’Appello FIGC dovrà nuovamente pronunciarsi. E la porta, in questa pazza estate, resta aperta a qualsiasi soluzione. Di seguito il comunicato del Collegio di Garanzia del CONI, che “Ha riunito il ricorso iscritto al R.G. ricorsi n. 58/2018, presentato, in data 26 luglio 2018, da parte della società U.S. Città di Palermo S.p.A. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), nonché nei confronti del Frosinone Calcio S.r.l. e della Lega Nazionale Professionisti Serie B (LNP

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giovanni Micale - 4 giorni fa

    Non succederà niente x il semplice motivo che il campionato e alle porte….Ma hanno fatto ridere tutto il mondo questo calcio italiano corrotto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giovanni Micale - 4 giorni fa

    E uno schifo Zamparini solo contro il marcio della lega calcio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Emanuele Drago - 4 giorni fa

    ma è stato rigettato lo 0a 3 a tavolini quindi non abbiamo alcuna speranza. Come il caso Parma: hanno detto già alla Figc cosa devono fare…inasprire la pena.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vittorio Macaluso - 4 giorni fa

    La verità e che non sappiamo fare abbastanza rumore, ne sappiamo contare a livello di Palazzo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Luigi Gabriele Partigno - 4 giorni fa

    Ho un presentimento… finira’ come il caso Parma???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Tullio Gentile - 4 giorni fa

    scusate ma l’arbitro che sta facendo a quel giocatore con la mano? E’ chiaro che hanno una relazione ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Francesco Di Giovanni - 4 giorni fa

    Mah….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Aldo Lendaro - 4 giorni fa

    Una cosa che si legge dalle carte è chiara, non è in discussione l’omologazione del risultato. È invece tutt’altro che chiusa la situazione per quanto riguarda le sanzioni date al Frosinone.La sentenza le ritiene assolutamente non congrue ai riscontri ufficiali messi a referto.Altresì rimanda i giudici ad emettere sanzioni ( sicuramente ) più dure nei confronti della società Ciociara, in linea con i gravi fatti avvenuti in campo durante e dopo la partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Federico - 4 giorni fa

      Non è in discussione l’omologazione del risultato, ma di una condotta antisportiva con conseguente perdita a tavolino per 3-0 può essere…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Gennaro Casella - 4 giorni fa

    devo avere una mente contorta per vedere l’arbitro che palpeggia il giocatore del frosinone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Angelo La Rosa - 4 giorni fa

    Tarallucci e vino parte seconda…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Dario Stuppia - 4 giorni fa

    Si torna in Appello per un giudizio ex novo. Il coni ha chiaramente voluto intendere che la pena non è congrua e addirittura la commissione dovrà essere completamente nuova… Certamente sarà difficilissimo ottenere la A ma adesso c’e una piccola possibilità!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Salvo Di Miceli - 4 giorni fa

    Andrà a finire che abbasseranno la sanzione e gli daranno solo un turno a porte chiuse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Danilo Comandè - 4 giorni fa

    Sapete che il presidente della corte di giustizia è romano, tifosissimo della Lazio, insegna diritto all’università di Teramo che è a soli 200 kmda Frosinone e dunque secondo voi fa scendere i ciociari in b?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Salvatore Danna - 4 giorni fa

      Si continuerà con i soliti tarallucci e vino con buona pace per il Palermo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Gaetano Covais - 4 giorni fa

    Si torna in appello per le ammende al Frosinone non per l omologazione del risultato. Ci hanno dato il contentino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy