De Zerbi post-Cagliari (integrale): “Se devo morire, muoio a modo mio. Zamparini? Gli sarò sempre riconoscente. E sull’esonero…”

De Zerbi post-Cagliari (integrale): “Se devo morire, muoio a modo mio. Zamparini? Gli sarò sempre riconoscente. E sull’esonero…”

Tutte le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Palermo dopo il ko subìto per mano del Cagliari: “Se devo morire, muoio a modo mio. Zamparini? Gli sarò sempre riconoscente. E sull’esonero…”.

9 commenti

L’intervista

Una sconfitta che potrebbe costargli la panchina, ma Roberto De Zerbi si dice tranquillo.

I rosanero crollano anche al Sant’Elia contro il Cagliari e nelle prossime ore arriverà la decisione di Maurizio Zamparini che valuta il profilo di Edy Reja.

Faggiano: “Fiducia in De Zerbi, la sua idea di gioco ci piace. Ci vuole tempo”

“Il mio Palermo è inconcludente? Ho la sensazione che non riusciamo a concretizzare ciò che creiamo. Ho fatto i complimenti ai miei ragazzi perché non avremmo meritato la sconfitta – ha detto a fine gara De Zerbi -. Non siamo stati pericolosissimi, ma io credo che con questo lavoro e questa convinzione potremmo riuscire a venirne a capo. Non so se avremo il tempo per mettere in atto questa mia filosofia di gioco“.

Sfoglia le schede per leggere le restanti dichiarazioni del tecnico del Palermo

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. enzovinci121_290 - 1 mese fa

    pertanto io suggerirei di creare un gruppo di TIFOSI VERI….che tirano fuori dei suggerimenti utili anche per il tecnico….
    TIRI IN PORTA: la prima cosa che mi viene in mete è che questa squadra non gioca con l’obiettivo di tirare in porta ma con quello di passare la palla …le due cose devono fondersi….non si possono vincere le partite senza tiri nello specchio della porta e senza inserimenti ne tantomeno senza cross forti e tesi….ieri ne abbiamo fatto uno e abbiamo segnato di questi cross ce ne devono essere 20 a partita…i calci di punizione e i calci d’angolo vanno sfruttati, ogni singolo giocatore deve sapere esattamente cosa deve fare e la palla va calciata forte e tesa…e i tiri in porta si migliorano con l’allenamento abituandosi a mirare ai montanti e non ai pali….AGGRESSIVITA E CORSA: soprattutto a centrocampo bisogna aggredire stare incollati all’avversario mordergli le caviglie senza fare falli da ammonizione …è una questione di asfissia la corsa va fatta in avanti e non all’indietro come contro l’udinese….REATTIVITA’: chi perde palla deve tornare a riprendersela se un avversario sta per tirare bisogna fiondarsi per ribattere se c’è una respinta corta bisogna scattare per prenderla ….FORZA: le partite si vincono vincendo i contrasti resistendo alle spallate prendendo la palla di testa facendo in modo che chi ti vuole togliere la palla ti deve fare fallo….COORDINAZIONE: abbiamo tanti giocatori che non sanno accorciare il passo prima di tirare o di passare la palla oppure quando devono contrastare avversario (vedi Goldaniga) la corsa nel breve fatta a passo ampio è incompatibile con il gioco del pallone si sbaglia tutto anche lo stop…VELOCITA E GIOCO A DUE TOCCHI: Allegri e Conte quando le loro squadre attraversano momenti di difficoltà si coprono e ordinano di giocare a due tocchi il che costringe tutti a essere più veloci di pensiero e di movimenti e di stimolare gli scatti anche con le ripartenze….CATTIVERIA e CORAGGIO: il gioco del calcio è molto condizionato dalla psicologia quando hai paura di sbagliare quando non hai entusiasmo quando pensi che l’avversario sia insuperabile ti deprimi e non giochi più. Bisogna entrare in campo a testa alta con gli occhi cattivi e quando ti ritrovi che stai per colpire la palla o stai per andare sull’avversario devi fare un piccolo grugnito e mostrare i denti con quella dose di rabbia alimentata dal proprio orgoglio. La paura è quella di chi va in guerra o di chi affronta malattie o interventi chirurgici, chi deve dare spettacolo deve essere rabbioso e spensierato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. enzovinci121_901 - 1 mese fa

    ora però stare a rivangare su ciò che poteva essere e sulle scelte che la società avrebbe dovuto fare non serve a niente e a nessuno….siamo un punto dietro la quart’ultima dobbiamo stare attaccati alla speranza e provare a ripartire….e bisogna aiutare squadra e allenatore incitandoli…le critiche in questo momento DEVONO ESSERE COSTRUTTIVE……BISOGNA CONTRIBUIRE CON I SUGGERIMENTI E NON CON GLI INSULTI O CON LE DENIGRAZIONI….se ci fosse ognuno di noi in questo momento a dovere provare di risollevare la situazione non lo potrebbe fare di certo mettendo tutti fuori squadra o criticando in maniera pesante i singoli giocatori…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. enzovinci121_492 - 1 mese fa

    Mi sembra oltremodo ingeneroso prendersela con un allenatore che comunque si sta impegnando e che è costretto a fare scelte tra gente infortunata gente scarsa e gente che non parla neanche l’inglese….nel momento in cui abbiamo fatto i punti o perso di misura contro la juve tutti a parlarne bene e a pensare che fosse un genio…la squadra è in piena crisi oltre i propri limiti e demeriti purtroppo ha avuto anche la sfortuna degli infortuni in difesa e di un calendario che sembra sia stato fatto apposta per mandare in crisi la squadra….ieri era palesa l’apprensione con cui questi ragazzi giocano che praticamente stanno facendo un campionato sempre fuori casa visto che al Barbera non va nessuno e chi va si distribuisce in gruppi divisi di tifoseria impegnata più a insultare Zamparini che a incitare la squadra in campo(e ogni pezzo di m. rivolto a Zamaprini puntualmente gli avversari segnano).
    De Zerbi sta facendo alcuni errori cosi come li fanno Allegri Ancellotti e Mourinho …ha avuto anche poca fortuna perché ne avesse avuta di più a genova avremmo vinto con la Juve non avremmo perso con Torino e Udinese avremmo fatto il 2-0 ….anche ieri se Chochev avesse messo dentro di testa oggi magari parleremmo di un altro risultato….De Zerbi sta operando in un ambiente difficile pieno di diffidenza e perplessità nei confronti della squadra un ambiente che probabilmente gode di più quando si perde per la masochista soddisfazione di poter vedere comprovate le proprie critiche alla società per le scelte tecniche…..a Palermo il vero tifo non c’è mai stato ci sono solo opportunisti che tifano quando si vince…sicuramente la società ha commesso degli errori di valutazione e alcune scelte come quella di Bruno Henrique tanto inseguito o di Rajkovic che è sempre infortunato ed erano due ruoli fondamentali da coprire meglio…mentre le tanto criticate scelte di nestorosky e posavec non sono state poi cosi sbagliate anche se le circostanze richiederebbero soprattutto nel caso del portiere l’affiancamento di un giocatore con esperienza…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. marcus2 - 1 mese fa

    Ma di quale metodo parla,passaggi laterali e all’indietro ma si rende conto,caro De Zerbi lei è fortunato che il suo presidente vuole proprio ciò che sta accadendo altrimenti lei sarebbe fuori già dalla seconda partita e pur vero che lei cerca di allenare una squadra a dir poco ridicola ma temo che in questa situazione lei abbia messo molto del suo e il signor Zamparini l’avrebbe dovuta esonerare dalla sconfitta interna con il Torino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Silipo - 1 mese fa

    Ma non se rende conto che si peggiora di partita in partita. Ci vuole coraggio come il suo padrone a dire certe cose. È stato preso x allenare già da adesso un a squadra x la prossima serie B!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. nick - 1 mese fa

    De zerbi a parole bravissimo poi esegue gli ordini di mz tipo panchinare diamanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Eterno Palermo - 1 mese fa

    Scusi Mister con rispetto parlando ma lei lo sa che noi abbiamo i c…. vunci. Forse no oppure forse si è ci piglia per il culo… allora a scanzo di equivoci le voglio dire il motivo per cui noi nn andiamo più allo stadio’noi siamo stanchi di questa situazione. Noi nn abbiamo più voglia di vedere il Palermo…. e potrei continuare fino a domani. e con questo le dico prenda i suoi 500 mila € e vada come gli altri e forza a chi tocca. Tanto a noi sappiamo già cosa ci aspetta e finito il tempo delle chiacchiere ormai è tutto chiaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Wolf979 - 1 mese fa

    De Zerbi adesso cosa dirai? Rimbocchiamoci i pantaloni visto che le maniche le hai già rimboccate? Facci un favore: “TORNA IN LEGA PRO!!”. Squadra scarsissima, allenatore scarsissimo e dirigenza supermegaiper scarsissima!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Cuore Rosanero - 1 mese fa

    De Zerbi l’unica cosa che ti è riuscita da quando sei a Palermo è il solito blablablabla…….tante ma tante chiacchiere. Profetizzi un’idea di gioco buona solo a parole, ma all’atto pratico rappresenti l’anticalcio. Almeno per quello che si è visto fino ad adesso. Ad ogni partita siamo andati sempre peggiorando!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy