Damiano Tommasi sul closing Palermo: “Nel mondo del calcio si presentino solo imprenditori seri”

Damiano Tommasi sul closing Palermo: “Nel mondo del calcio si presentino solo imprenditori seri”

Il Palermo si prepara a cambiare proprietario: Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori, dice la sua a proposito dei diritti dei giocatori.

4 commenti

La seconda settimana di maggio sta per volgere al termine e le novità sul fronte closing sono quelle risalenti a qualche giorno fa: Maurizio Zamparini ha annunciato di aspettare le mosse di Paul Baccaglini e della sua YW & F Global Limited, società attraverso cui rileverà il 100% delle quote del club rosanero.

Il silenzio dell’ex Iena (che non rilascia dichiarazioni dalla serata della sfilata presso le Mura delle Cattive) è letto in una duplice maniera dall’ambiente palermitano: molti coloro i quali continuano ad avere seri ed innumerevoli dubbi sul personaggio e sui soci alle sue spalle; pochi, invece, quelli che apprezzano il silenzio di Baccaglini dopo le settimane ricche di interviste e incontri super-pubblicizzati con le istituzioni.

Adesso, al di là dei silenzi da parte dei protagonisti, la tifoseria si attende di ricevere l’unica buona notizia di una stagione da dimenticare al più presto: l’avvenuto passaggio di proprietà del Palermo Calcio. Detto in altre parole, anzi in una: closing. A seguire le vicende in casa rosanero, sul fronte societario, è anche l’associazione italiana calciatori. “Le squadre – ha detto quest’oggi il presidente dell’Assocalciatori Damiano Tommasi, attraverso le colonne de ‘La Repubblica‘ – devono avere una proprietà certa e una leadership ben identificabile. Nell’ultimo consiglio federale abbiamo appoggiato una proposta della Lega Pro per abbassare dal dieci per cento all’un per cento la quota di proprietà che obbliga i presidenti a presentare la certificazione di onorabilità e le garanzia bancarie. L’auspicio è che venga approvata e si riesca a tenere fuori personaggi che utilizzano il calcio per altri fini – sottolinea l’ex centrocampista di Roma e Levante -. Il sistema deve essere trasparente, con obblighi stringenti, perché a presentarsi nel mondo del calcio siano solamente degli imprenditori seri”, ha concluso Damiano Tommasi.

Palermo: Jajalo, Goldaniga, Sunjic e Chochev non vogliono giocare in B coi rosa. Il retroscena

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Stefano Ralli - 5 mesi fa

    Vabbè ma chi pensa che Zamparini non si occuperà piû del Palermo vive su Marte !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mimmo Landolina - 5 mesi fa

    Certo questo silenzio da parte di uno che parla molto non depone bene… facciamo i dovuti scongiuri !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Salvo Cardinale - 5 mesi fa

    se poi sali sul carro come molti sanno fare caro vincenzo baio …..troppo facile.ormai lo hanno capito il tuo ritornello.tranquillo un fari abili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vincenzo Marino - 5 mesi fa

    Eccoloooooo…ma ndo kazz sei stato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy