Cessione Palermo, la presentazione degli inglesi tra risposte insoddisfacenti, soddisfacenti e non argomentate (SCHEDE)

Cessione Palermo, la presentazione degli inglesi tra risposte insoddisfacenti, soddisfacenti e non argomentate (SCHEDE)

Le discutibili risposte date dai nuovi acquirenti del Palermo Calcio nel corso della conferenza stampa

Tre categorie

Dopo l’annuncio a sorpresa – tanto atteso -, ieri è stata la volta della presentazione.

La Global Futures Sports & Entertainment ha scelto un modo decisamente singolare per rivelarsi ai tifosi del Palermo, attraverso le parole del proprio CEO, Clive Ian Richardson, rilasciate nel corso di un’intervista ai microfoni di Pop Economy (media che si mormora essere vicino all’advisor Belli).

Gli inglesi sono sbarcati nella mattina di lunedì nel capoluogo siciliano e, accompagnati dall’ormai ex patron Maurizio Zamparini, sono giunti allo stadio Renzo Barbera per tenere una conferenza stampa, non prima di aver visitato il campo d’allenamento e pranzato a base di pesce. Insieme all’advisor Maurizio Belli e al socio di Richardson, c’era anche James Sheehan, che figura tra i nomi dei documenti registrati nella camera di commercio londinese.

In conferenza stampa, tuttavia, non tutte le risposte alle domande dei giornalisti sono servite a fugare i molti dubbi relativi alla loro reale disponibilità economica e all’organizzazione interna della società, per citarne alcuni. Ma risposte evasive sono arrivate anche sul progetto sportivo per il Palermo Calcio.

Mediagol.it ha raccolto le risposte date dal gruppo inglese in conferenza stampa catalogandole in tre gruppi: risposte insoddisfacentirisposte non argomentaterisposte soddisfacenti.

Sfoglia le schede per leggere tutti i quesiti posti e le rispettive risposte.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. nick - 2 settimane fa

    Io mi auguro che la figc controlli bene onde evitare nuovi casi Parma.
    Settimane che si parla di riserbo perché la società é quotata in Borsa e si presenta gente che rappresenta una società non quotata attiva da pochi mesi con capitale di 100 sterline. dichiara di non sapere come é strutturata la società(hanno comprato al buio?), non illustrano nessun programma né sportivo né economico e che addirittura non vuole svelare chi finanzia l’operazione.
    Roba inquietante, sembra uno scherzo.
    Tipo prima compriamo e poi vediamo che fare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy