Cessione Palermo, altri due giorni di attesa: mercoledì capitali da Londra, il nodo Mepal da sciogliere…

Cessione Palermo, altri due giorni di attesa: mercoledì capitali da Londra, il nodo Mepal da sciogliere…

Il nuovo corso del club rosanero ancora in fase di transizione aspettando capitali dall’Inghilterra: il nodo da sciogliere riguarda il rientro di Mepal e l’accollo del debito di quasi 23 milioni per riavere il marchio

Ancora altri due giorni di attesa, al di là degli annunci ufficiali e di significative presenze sugli spalti.

Il nuovo corso del Palermo Calcio è ancora in una fase di transizione e a rappresentare tale situazione vi è certamente l’emblematica figura del nuovo amministratore delegato Emanuele Facile al fianco del direttore dell’area tecnica rosanero Rino Foschi sulle tribune del “Tombolato“, per assistere alla sfida che visto i ragazzi di Roberto Stellone impegnati in una vittoriosa trasferta contro il Cittadella.

Facile ha indubbiamente fornito ai tifosi e agli addetti ai lavori una presenza tangibile ed evidente della nuova proprietà ma le vere e proprie operazioni principali per immettere capitali freschi nel club siciliano, secondo quanto riportato questa mattina da Il Giornale di Sicilia, dovrebbero partire da Londra nella giornata di mercoledì: “La prima tappa è dunque in programma dopodomani, presso gli uffici della Peterhouse Capital Limited a Londra. Non si tratta di un’altra società coinvolta, bensì dell’advisor finanziario di Eight Capital, il fondo tramite cui John Treacy ha acquisito le quote della compagnia Pelican House Mining che proprio mercoledì cambierà nome in Sport Capital Group e sposterà i propri investimenti nel calcio italiano“.

(Cittadella-Palermo, anche Facile al “Tombolato”: il nuovo amministratore delegato vicino alla squadra)

All’interno di Sport Capital Group, oltre che a John Treacy, è chiaramente presente anche Clive Richardson, il nuovo presidente della società di Viale del Fante. Sempre secondo quanto affermato dal noto quotidiano regionale, infatti, dovrebbe esserci anche lui durante la riunione tutta londinese che potrebbe e dovrebbe segnare il primo passo di quella che sarà la nuova società controllante del Palermo Calcio: “Un passo da compiere in Borsa, perché la società madre immetterà nuove azione sul listino NEX di Londra, pur partendo da una base di capitale a dir poco irrisoria. Giusto per iniziare, però, perché le intenzioni di Richardson e Treacy (stando a quanto annunciato da un comunicato firmato dallo stesso Richardson) sono quelle di aumentare il capitale a venti milioni di euro. Cifra che solo in seguito verrà immessa nelle casse del Palermo, che allo stato attuale delle cose è l’unico investimento di Sport Capital Group. È ipotizzabile che i tempi per questo passaggio possano essere brevi, se non addirittura immediati, viste le necessità societarie“.

Resterebbe quindi da sciogliere un ultimo ma decisivo nodo, ossia quello relativo al rientro di Mepal con marchio annesso ed il pagamento del debito da 22,8 milioni di euro che la holding lussemburghese Alyssa deve al club rosanero entro il prossimo 30 giugno. I soldi dell’aumento di capitale di Sport Capital Group dovrebbero difatti essere legati proprio a questa operazione, ma sulle modalità attraverso cui verrà effettuata vi sarebbe un’unica certezza: ad oggi, da Camera di commercio e Registro delle società lussemburghesi, non risulterebbero movimenti.

(Palermo british, prime scadenze federali: i documenti richiesti dalla Lega…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy