Bologna-Palermo 0-1: Vazquez decide, Sorrentino miracoloso. Maresca illumina e Iachini sorride, il commento finale

Bologna-Palermo 0-1: Vazquez decide, Sorrentino miracoloso. Maresca illumina e Iachini sorride, il commento finale

Il commento della gara

3 commenti

Dopo quattro k.o. consecutivi e il ritiro a Gradisca d’Isonzo, il Palermo torna a sorridere. Terzo successo stagionale, ancora per 1-0: decide la rete al 23′ di Franco Vazquez. I siciliani ritrovano la propria dimensione e danno dimostrazione di avere idee chiare, aspetto messo in discussione nei precedenti impegni.

Primo tempo. El Kaoutari è costretto a dare forfait per un affaticamento accusato in fase di rifinitura e Iachini decide di far esordire in stagione anche Sinisa Andelkovic (ultimo match disputato risaliva al 24 maggio). Per il resto solo conferme rispetto alle previsioni della vigilia: Giancarlo Gonzalez fa in tempo a recuperare, al suo fianco ecco Aljaz Struna e – come detto – l’ex Modena; centrocampo formato da Rigoni e Hiljemark, i cui compiti sono quelli di coordinare Maresca in fase di impostazione. Laterali Rispoli e Lazaar, in attacco Franco Vazquez e l’ex Alberto Gilardino. Tutto secondo le aspettative, poche sorprese. A stupire è l’iniziale atteggiamento dei rosa che subiscono quasi inermi le iniziative dei felsinei, nettamente sul pezzo nei primi venti minuti di gara. Sorrentino rimane una costante, una pezza riesce a metterla sempre. Il portierone non si limita a sfoderare interventi tanto decisivi quanto puntuali, ma striglia anche la squadra e la induce a rialzare la testa. E’ così che al 23′ Lazaar raccoglie un cross lungo di Rispoli, serve tra le linee Hiljemark, il quale fa passare il pallone per Franco Vazquez: costruzione perfetta, cinismo inaudito. 1-0 e dedica alla mamma, perché oggi in Argentina è ‘El Día de la Mama‘, la festa di tutte le madri albicelesti.

Bologna FC v US Citta di Palermo - Serie A

Il risveglio del ‘Mudo‘ che illumina la scena, trova la prima rete stagionale e, di lì in poi, prova a far segnare i compagni. Spesso cerca Gilardino che non riesce a capitalizzare, ma la notizia positiva c’è, eccome: i rosanero convincono e sembrano avere le idee chiare.

Il secondo tempo. Negli spogliatoi complimenti centellinati da parte di Iachini che dai suoi pretende il raddoppio. Nessun cambio, nemmeno dalla parte rossoblù. Il Bologna prova a dare una scossa, supportato dai propri sostenitori (che intanto decidono di divertirsi con un fischietto fac-simile). Rizzo e Brienza, Mounier e Destro. La porta di Sorrentino è in pericolo. Almeno, lo sembra. Perché l’estremo difensore rosa tira fuori una prestazione da nove, forse dieci in pagella. Qualsiasi oggetto gli passi vicino, lo respinge o lo fa suo. Diventa un incubo per i suoi avversari. Così com’è un incubo quello di Gilardino che a porta praticamente vuota (su giocata al bacio di Vazquez) si fa recuperare da Gastaldello. Mani nei capelli per tutti, mani al cielo poco dopo. Con sofferenza i rosa, ottengono i tre punti e ritrovano il sorriso. A un passo dal baratro il Bologna.

E’ stata la partita di Sorrentino che ha rubato la scena a quasi tutti i suoi compagni, ma note di merito per Franco Vazquez ed Enzo Maresca, al suo debutto dal primo minuto. Il fosforo e le geometrie che è in grado di conferire alla manovra continuano a far chiedere ai tifosi per quale motivo fin qui sia rimasto in panchina. Infine, un appunto per Gonzalez che, a sprazzi gioca – come dice lui – ‘de frente‘… a testa alta, altre volte però dimentica tutto e commette clamorose ingenuità. Ma è sulla via del recupero totale della prestazione. Così come tutto il Palermo.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giuseppe Anzalone - 2 anni fa

    Araciu !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tony Ingrassia - 2 anni fa

    Adesso scricchiare culo all’Inter!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giuseppe La Vara - 2 anni fa

    Bella vittoria dei rosa in un campo difficile. Grandissimo Sorrentino, ottimo Vasquez, da rivedere Gonzales e Struna, discreti Maresca e lo svedesino e in palla anche i due esterni Lazaar e Rispoli mentre Gila sarebbe stato sufficiente se non si fosse divorato il cioccolatino del Mudo . Riprendiamo il cammino e Forza Palermo sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy