Genoa, contestazione ma stadio pieno. Gli ultras: “Non possiamo lasciare squadra sola”

Genoa, contestazione ma stadio pieno. Gli ultras: “Non possiamo lasciare squadra sola”

Vendute più di 13mila tessere in 15 giorni nonostante la contestazione al presidente Preziosi.

18 commenti

L’estate del tifoso genoano è stata finora a dir poco turbolenta: tra la cessione della società prima smentita, poi confermata e infine rimandata, e tra un mercato che sta lasciando a desiderare, i motivi per protestare non mancano.

In mezzo a tutta questa confusione, incertezze e prese in giro, rimane una sola sicurezza per il Genoa: i suoi tifosi.

Nonostante la protesta contro il presidente Preziosi, i sostenitori del club rossoblu hanno dimostrato di avere una passione talmente smisurata da superare i conflitti e continuare a sostenere la propria squadra del cuore. I tifosi del club più antico d’Italia, infatti, hanno deciso di appoggiare la squadra, con oltre 13mila tessere staccate nei primi 15 giorni di campagna abbonamenti.

A differenza di altre realtà, come quella del Palermo, in cui la contestazione dei tifosi verso Maurizio Zamparini si è palesata con il boicottaggio della campagna abbonamenti (poco più di mille tessere finora sottoscritte) e della prima gara ufficiale al “Barbera” (circa cinquemila spettatori paganti), a Genova, i gruppi del tifo organizzato hanno deciso di continuare a sostenere la squadra e di non abbandonare lo stadio Marassi.

Nonostante ciò, la protesta contro il presidente Preziosi non si fermerà. L’intento e la speranza dei tifosi genoani rimane sempre quello di vedere la squadra in mano ad una nuova proprietà.

A prescindere da dubbi e scetticismo intorno al futuro societario, i sostenitori del Grifo continuano ad essere fedeli al proprio ruolo, in curva, confermando la propria presenza allo stadio, in attesa degli sviluppi legati alla cessione della società attualmente gestita da uno dei presidenti più contestati d’Italia, Enrico Preziosi.

Così il messaggio forte è giunto direttamente dal gruppo Ultrà Genoa CFC 1893 che dopo una fase attendista in cui aveva chiesto ai tifosi di aspettare qualche giorno prima di abbonarsi, ha poi preso una posizione netta in favore della nuova campagna abbonamenti:

Ci troviamo chiaramente in una situazione nella quale non possiamo assolutamente permettere che lo stadio, la Gradinata Nord, rischino di rimanere prive di chi da sempre rappresenta il cuore pulsante della tifoseria rossoblù. Pertanto, nell’attesa di una prossima e grande assemblea pubblica aperta alla partecipazione più ampia possibile e che dovrà decidere le strategie dei prossimi mesi, non ci resta che invitare comunque tutti i tifosi del Genoa ad esercitare il diritto di prelazione di abbonamento per la prossima stagione, seppur con la consapevolezza che la nostra battaglia contro questa gestione societaria, per la quale crediamo di aver esaurito gli aggettivi, non solo non si fermerà, ma sarà sempre più dura, fino a che il Signor Preziosi non avrà liberato il Genoa della sua sgradita e sgradevole figura.

18 commenti

18 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Franco Gianni - 4 giorni fa

    “Tifosi” Palermitani..prendete esempio!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pietro Cappuccitti - 4 giorni fa

    Come a Palerm… Ah no, dimenticavo che a Palermo vanno allo stadio solo quando arrivano le strisciate…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toni Mabbut - 4 giorni fa

      mi dai una tua opinione sul perche’ un palermitano nato negli anni 80 dovrebbe tifare Palermo, visto che quando era bambino nessuno lo portava allo stadio e l’unico calcio che vedeva era il Milan di Sacchi durante le coppe? dobbiamo essere tutti fieri di non avere nulla da fare nel weekend e avere un senso di appartenenza tale da considerare lo stadio uno spettacolo irrinunciabile, a prescindere dalla qualita’ stessa di cio’ per cui si paga? siete talmenti ottusi da non capire che se allo stadio andassero 30mila strisciati alla fine le entrate sarebbero superiori rispetto ai soli tifosi che si definiscono veri con beneficio di tutti, ma per come fate pare che sia l’unico problema nel mondo tale persino da dimenticare debiti, magistratura e due retrocessioni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PAwarrior - 2 giorni fa

        La tua premessa parte col piede sbagliato, io sono nato negli anni 80 e si vedevo e ammiravo il milan di sacchi Gullit e van Basten ma allo stadio mi portava mio nonno a vedere il Palermo di Biffi e ti assicuro che le emozioni vere le provavo allo stadio tra b e c a prescindere dalla qualità dello spettacolo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pietro Cappuccitti - 4 giorni fa

      Io sono nato a Milano, tifo Palermo sai per quale motivo? Perche’ amo i colori, amo la citta’ e non mi interessano i trofei, solo i colori!! Eppure abito a due passi da San Siro, potevo benissimo tifare Inter o Milan eppure eccomi qui, lontano da Palermo a tifarlo sempre a prescindere da tutto, abitassi giu’ l’abbonamento lo farei a prescindere da tutto…. Se vuoi vedere calcio spettacolo puoi andare a vedere il Barcellona o il Bayern Monaco, se vuoi una squadra che vinca trofei tifa le strisciate…. E comunque pensaci, tutte e due le ultime volte che siamo scesi in B sono uscite cose (false tra l’altro) che il Palermo era pieno di debiti e rischiava il fallimento, che Zamparini doveva finire in carcere, e invece dimmi cosa e’ successo? L’altra volta ci siamo iscritti regolarmente e siamo risaliti, quest’anno ci siamo iscritti regolarmente al campionato di B e poi vedremo cosa succedera’… Dimentichi quante volte il Palermo davvero e’ fallito nella sua storia perche’ pieno di debiti, negli anni 70-80-90 la gente a Palermo avrebbe pagato oro per fare sali e scendi dalla A alla B, di cosa stai parlando?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toni Mabbut - 4 giorni fa

    Nel suo albo d’oro figurano 9 scudetti, tra cui il primo in assoluto risalente al 1898, 6 campionati di Serie B vinti[4] ed una Coppa Italia[5]. Oltre ad aver vinto due Coppe delle Alpi, una Coppa Anglo-Italiana e una Coppa dell’Amicizia il club ha partecipato sotto l’egida della UEFA all’Europa League nelle edizioni 1991-92 e 2009-10[6]. Nel 2011 il Genoa viene inserito nell'”International Bureau of Cultural Capitals” (una sorta di patrimonio sportivo storico dell’umanità, in linea con quello dell’UNESCO) sotto richiesta del presidente Xavier Tudela.[7] Nel 2013 inoltre il Genoa è stato ammesso nel “Club of Pioneers”, associazione che raggruppa i club di calcio più antichi del mondo che già comprende lo Sheffield e il Recreativo de Huelva[8].

    L’Unione Sportiva Città di Palermo, nota più semplicemente come Palermo, è una società calcistica italiana avente sede nella città di Palermo, dove è stata fondata il il 1º novembre 1900. Attualmente milita in Serie B.

    La squadra ha raggiunto i migliori risultati sportivi negli anni duemila, durante i quali ha chiuso tre edizioni del campionato di massima serie al 5º posto ed è arrivata fino agli ottavi di finale della Coppa UEFA 2005-2006. Ha in bacheca una Coppa Italia di Serie C vinta nel 1993.

    uguali uguali, le cose giuste.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pietro Cappuccitti - 4 giorni fa

      Si ma dubito che i tifosi del Genoa di adesso abbiano visto dei trofei… L’ultimo a che anno risale?? Perche’ non ammettete che come tifoseria sono 10 spanne sopra la nostra?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone Giuliano - 4 giorni fa

      Semplice tifa Genoa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Salvo Cardinale - 4 giorni fa

    No no…zamparinese bla bla bla.a genova nn c è la preziese c è il Genoa e si tifa genoa tutti uniti..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-12851220 - 4 giorni fa

      L’attaccamento alla squadra identifica l’attaccamento alla città e viceversa. È giusto e naturale che un Palermitano tifi Palermo e un Genovese tifi Genoa, e non juve,milan o chissà chi.

      Detto questo, sia Zamparini che Preziosi hanno fatto molto per le rispettive squadre, rappresentano entrambi il meglio del
      Dopoguerra. Entrambi non sono all’apice della loro attività calcistica, ma prima di chiamare a gran voce qualcun altro, chiunque esso sia, ci penserei piú volte. Quando è successo a metà anni 90, quando Spinelli fu cacciato via dai “capi della nord”…abbiamo rischiato di fallire e compromettere la nostra tradizione.

      Genoani…ascoltate le parole dei Palermitani: ma in fondo, con 13.000 abbonamenti già sottoscritti, lo abbiamo giá fatto.

      #iononmollo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Angelo Tower - 4 giorni fa

    Quelli fanno i fatti e noi parliamo parliamo ma niente..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Davide Lo Cascio - 4 giorni fa

    Quello che dovrebbero fare qui a Palermo, invece di disertare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ivan Fontò - 4 giorni fa

    Altra mentalità!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-12851220 - 4 giorni fa

    Potrei conoscere la ragione per cui non pubblicate i commenti fuori linea rispetto al contenuto degli articoli? Non é la prima volta che succede…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-12851220 - 4 giorni fa

      Come non detto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-12851220 - 5 giorni fa

    Come al solito i pochi della foto del serviZio si arrogano il diritto di parlare per tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-12851220 - 5 giorni fa

    Che articolo di parte. I Genoani, quelli veri, si erano già abbonati in massa prima che i “capi” “concedessero” il via libera. Nessuno dice che dei 13000 abbonamenti sottoscritti saranno appena 500 quello dei rivoltosi.
    Ci vorrebbe un pochino piú di equilibrio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. pinof_18 - 5 giorni fa

    Sono un Genoano lontano centinaia di Km da Genova.
    Trovo dura la contestazioni contro Preziosi… ma trovo che i Genoani siano davvero i migliori tifosi al mondo!!!
    Grazie ragazzi… grazie di avermi reso orgoglioso ancora una volta di essere un Grifone!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy