Udinese, Iachini fuori dalla Coppa Italia: “Pareggio dello Spezia su rimpallo, noi sfortunati negli episodi”

Udinese, Iachini fuori dalla Coppa Italia: “Pareggio dello Spezia su rimpallo, noi sfortunati negli episodi”

Le parole del tecnico dei friulani al termine della partita persa contro lo Spezia in Coppa Italia.

10 commenti

“Eravamo partiti bene, con la mentalità giusta. Il loro pareggio è arrivato su un rimpallo e abbiamo subito un colpo psicologico che mi fa pensare. Abbiamo ancora qualche retaggio mentale da superare, un po’ d’ansia”.

Beppe Iachini analizza così la sconfitta subita dalla sua squadra in Coppa Italia contro lo Spezia: saranno i liguri e non i friulani ad affrontare il Palermo nel quarto turno di Tim Cup. “Siamo rientrati in campo con il piglio giusto, purtroppo l’episodio del rigore che poteva permetterci di svoltare l’abbiamo fallito. Siamo stati sfortunati. Poi ancora un gol con palla inattiva, su questo dovremo sicuramente lavorare. I nuovi forse sono un po’ più liberi mentalmente, gli altri hanno ancora qualche scoria da eliminare. Ma dipende da noi, dobbiamo dare un input a tutto l’ambiente – ha aggiunto l’allenatore marchigiano a Udinese Tv -. Abbiamo creato tanto, stiamo costruendo. Purtroppo abbiamo pagato dazio su qualche episodio che in precampionato eravamo riusciti ad evitare. Questa partita, se siamo intelligenti, ci serve per migliorare e per capire dove abbiamo sbagliato. Stiamo lavorando molto sull’aspetto difensivo, i numeri ci dicono che negli ultimi tre anni abbiamo subito 174 gol. Sono troppi. Dobbiamo essere più incisivi, più cattivi. Siamo stati, anche stasera, molto a ridosso dell’area di rigore avversaria. Ma dobbiamo essere più attenti, un campionato difficile come quello di Serie A dipende anche da queste situazioni”.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Louie15 - 4 mesi fa

    La verità è che sei un allenatore scarso, neanche Zoff era così catenacciaro. Tu continua a giocare con 5 difensori, 3 incontristi e viri chi cummini… gli ultimi tempi si giocava con 11 giocatori dietro la palla e lanci lunghi per nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. enzovinci121_242 - 4 mesi fa

    un grande allenatore…beniamino del popolino contestatore di Palermo …Dio li fa e tra di loro si uniscono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fausto Balsano - 4 mesi fa

    Un grande tecnico e attaccato a Palermo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gianpiero Parrinello - 4 mesi fa

      Se questo è un grande tecnico io sono Pelé

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fausto Balsano - 4 mesi fa

      Punti di vista

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Davide Cataldo - 4 mesi fa

      Piacere, sono il nonno di Maradona

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ivan Pedalino - 4 mesi fa

    Allenatore molto sopravalutato .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Sergio Cinà - 4 mesi fa

    Abbiamo ancora qualche retaggio mentale da superare, un po’ d’ansia…a Palermo viene tradotta in…la squadra deve crescere il ragazzo e giovane deve acquisire la mentalità giusta ha poca esperienza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Sergio Cinà - 4 mesi fa

    La squadra deve crescere lo ha detto in sala stampa come lo diceva a voi a Palermo?..sicuramente no perché pozzo gli dà un calcio in culo e lo licenzia prima di iniziare il campionato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giuseppe Garofalo - 4 mesi fa

    Sei una mezza pippa e basta io sono convinto che sei molto scarso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy