Foggia, notte di paura per dirigenti e calciatori: bombe carta e auto incendiate

Foggia, notte di paura per dirigenti e calciatori: bombe carta e auto incendiate

Notte di paura per dirigenti e calciatori del Foggia dopo la sfida persa ieri pomeriggio contro il Lecce allo Stadio “Via del Mare”

E’ un momento tutt’altro che positivo per il Foggia.

Dopo la sfida andata in scena ieri pomeriggio allo Stadio “Via del Mare” e la sconfitta maturata contro il Lecce di Fabio Liverani, sono stati compiuti tre atti intimidatori ai danni di calciatori e dirigenti della società pugliese.

In particolare, la notte scorsa è stata incendiata l’automobile dell’attaccante Pietro Iemmello, un Suv Mercedes parcheggiato nelle vicinanze di Piazza Puglia nel centro di Foggia, mentre all’alba tre persone incappucciate avrebbero lanciato una bomba carta nei pressi del pastificio Tamma (alla periferia di Foggia) – come comunicato dal custode – contro la Maserati dei fratelli Franco e Fedele Sannella, i proprietari del club.

Il terzo atto vandalico è stato perpetrato contro il centrocampista Massimo Busellato, espulso ieri durante il derby, nel giardino del quale è stato lanciato un petardo. Il calciatore questa mattina ha denunciato l’episodio ai carabinieri. La questura indaga.

“Sull’incendio dell’auto del calciatore abbiamo ricevuto una chiamata all’1.45 della notte tra sabato e domenica. La bomba carta è successiva e su questo episodio stiamo analizzando le immagini della sorveglianza: probabilmente è stata lanciata dall’esterno dello stabilimento”, ha dichiarato il comandante provinciale Marco Aquilio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy