Maradona attacca Veron: “Un traditore, non voglio averci a che fare. Continua la mafia grondonista”

Le accuse del Pibe de Oro contro l’ex centrocampista di Lazio, Inter e Parma: Verona ha ricevuto pochi giorni fa il compito di individuare e negoziare con il futuro staff tecnico della Nazionale Albiceleste, a seguito dell’addio del Tata Martino.

Commenta per primo!

Diego Armando Maradona spara a zero su Juan Sebastian Veron.

Il presidente dell’Estudiantes è stato attaccato dal Pibe de Oro a mezzo stampa, dopo che era divenuto ufficiale il compito che dovrà svolgere l’ex centrocampista di Parma, Lazio e Inter: a Veron spetterà individuare e negoziare con il futuro staff tecnico della Nazionale Argentina, a seguito dell’addio dell’ormai ex commissario tecnico, Gerardo Tata Martino

“E’ un traditore che si atteggia a dirigente. Uno con cui non voglio più avere nulla a che fare – le espressioni usate da Maradona al termine di un meeting nella sede dell’Afa insieme agli ispettori inviati dalla Fifa -. Si vuole ripartire con un colpo di spugna, facendo finta che non sia accaduto nulla. Non c’è più Grondona, ma continua la mafia grondonista”.

El Pibe de Oro si lamenta specialmente per le reiterate risposte negative ricevute da Veron sulle proposte avanzate dallo stesso Maradona. “Non so a cosa si riferisca Diego – ha risposto Veron -. Ciò che dice è poco serio e non m’interessa. Le sue parole sono di scarsa rilevanza”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy