Fabio Caressa: “Chievo squadra di pensionati, non si parla mai di Maran”

Fabio Caressa: “Chievo squadra di pensionati, non si parla mai di Maran”

Il parere espresso da Fabio Caressa sul Chievo di Rolando Maran: ieri i gialloblu hanno espugnato il Barbera di Palermo.

4 commenti

Sesta vittoria in stagione e salvezza ormai raggiunta a Natale. Sì, perché dall’alto dei 22 punti già all’attivo, il Chievo può essere praticamente certo che il suo nome configurerà nell’elenco delle squadre che prenderanno parte al campionato di Serie A 2017-18.

Ieri il successo semplice in casa del Palermo di Eugenio Corini che giace in fondo alla classifica.

Palermo-Chievo: voti ufficiali fantacalcio, Goldaniga un disastro. Si salva solamente…

A dir la sua sui clivensi, Fabio Caressa, noto telecronista di Sky Sport. “Maran? Ci sono allenatori che in Italia vengono considerati e altri no. Lui va al sodo, bada al concreto. A differenza di altri che si sentono a posto con se stessi perché fanno giocare bene la propria squadra, ma retrocedono – premette Caressa -. Diciamocela tutta, il Chievo è una squadra di pensionati, sono tutti calciatori avanti con l’età, ma che rendono tutti bene perché Maran è un grandissimo allenatore, ma di cui si parla poco. Io ne voglio parlare, così come voglio parlare di Campedelli, il presidente del Chievo, di cui apprezzo questa visione antica del calcio”.

GUARDA VIDEO Serie A, Palermo-Chievo 0-2: rosa da film horror, gli highlights del match

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Catalano - 3 mesi fa

    Il Chievo non avrebbe mai segnato se non avessimo regalato noi, e questo fa decisamente peggiorare la situazione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Antonello Provenzano - 3 mesi fa

    nella guerra per la salvezza, meglio avere ultra-trentenni con esperienza di Serie A, piuttosto che ragazzini stranieri (ovvero gente con esperienza di categorie inferiori)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Valerio Anastasio - 3 mesi fa

      Il rapporto tra Chievo e Palermo di presenze in serie A è 100 a 1. Così si costruiscono le squadre per salvarsi, non si faranno plusvalenze, ma campionato tranquilli senza spendere soldi. Gestione folle della società sotto ogni aspetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Antonello Provenzano - 3 mesi fa

      Giuseppe Terzo ricordo anche Rigoni, fin quando non è stato cacciato, nonché Rispoli, che è l’unico rimasto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy