Catania, Lo Monaco sul furto del Granillo: “Ci hanno derubati nonostante la presenza della polizia”

Catania, Lo Monaco sul furto del Granillo: “Ci hanno derubati nonostante la presenza della polizia”

L’AD rossoblu: “Lo stadio della Reggina una delle cause del decadimento del calcio italiano”.

Commenta per primo!

Il Catania torna dalla trasferta di Reggio Calabria con un punto, ma senza cellulari, portafogli e vari effetti personali. Si, perchè nell’ultima gara giocata contro la Reggina i calciatori del club etneo hanno trovato una spiacevole sorpresa al rientro negli spogliatoi (Catania: furto nello spogliatoio dei giocatori, rubata anche la fede nuziale di Biagianti).

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, l’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco, ha fatto emergere nuovi dettagli: “Che cosa è successo ieri pomeriggio? Beh, vi premetto che questo episodio, nella mia lunga carriera, mi mancava davvero. E’ accaduto che, mentre si giocava la partita tra il Catania e la Reggina al Granillo di Reggio Calabria, si sono introdotte delle persone nel nostro spogliatoio dal cortile esterno, nonostante il cordone di poliziotti – ha dichiarato l’Ad rossoblu -. Hanno rubato gli effetti dei nostri giocatori. E’ una cosa di una gravità estrema, soprattutto se vi rendete conto che parliamo di una partita giocata nell’ambito professionistico… e quindi con tutte le cautele, le attenzioni e i controlli del caso. Una cosa inusuale e altrettanto grave. Parte delle refurtiva è stata ritrovata, ci riferiamo a un orologio Rolex e a un telefonino, quest’ultimo è stato ritrovato in un campo nomade vicino allo stadio. Il mio pensiero sull’impianto del Granillo (stadio della Reggina, ndr)? Vede, secondo me, è una delle cause del decadimento del calcio italiano. In che senso? Uno stadio del genere fino a qualche anno fa figurava tra gli impianti della Serie A, perché la Reggina militava nel massimo campionato italiano… ma è un campo abbandonato a se stesso. Una situazione pazzesca. Non si dovrebbe consentire di far disputare partite in questi posti, perché l’incolumità di ogni singolo giocatore può essere messa a repentaglio”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy