Caso Raciti, l’avvocato di Speziale scrive al Presidente Mattarella: “Gli venga concessa la grazia”

Caso Raciti, l’avvocato di Speziale scrive al Presidente Mattarella: “Gli venga concessa la grazia”

Giuseppe Lipera, legale di Antonino Speziale, scrive una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Non è lui l’assassino di Raciti, che gli venga concessa la grazia”.

Commenta per primo!

“Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella conceda la grazia ad Antonino Speziale”.

È la richiesta scritta e formale presentata dall’avvocato Giuseppe Lipera che difende l’ultrà catanese condannato per la morte dell’ispettore di polizia Filippo Raciti, durate gli scontri fuori dallo stadio Angelo Massimino nel derby Catania-Palermo del 2 febbraio 2007. “Antonino – scrive l’avvocato Lipera nella lettera pubblicata da Italpressè stato a mio parere erroneamente e ingiustamente condannato nonostante le contrarie risultanze processuali per avere assassinato (omicidio preterintenzionale) Raciti. Antonino che all’epoca dei fatti aveva solo 17 anni, incensurato e proveniente da una famiglia di onesti operai, già dopo pochi giorni dall’accaduto venne individuato dalle forze di polizia come possibile colpevole è iscritto nel registro degli indagati. È vero che Antonino era sul posto – continua il legale – durante i disordini, partecipò agli assurdi scontri, circostanze che non ha mai negato, ma non ha ucciso nessuno, non è lui l’assassino di Filippo Raciti”.

Aglianese, ultras shock: “Non entriamo nello stadio intitolato a Raciti”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy