Baccaglini: “Ad Aprile diventerò proprietario del Palermo, non ci sarà Zamparini dietro”

Baccaglini: “Ad Aprile diventerò proprietario del Palermo, non ci sarà Zamparini dietro”

Le parole del presidente rosanero a poche ore dalla sfida contro l’Udinese.

1 Commento

Il presidente rosanero Paul Baccaglini è intervenuto ai microfoni di Radio Due durante la trasmissione ‘Italia nel Pallone’.

Il nuovo patron ha parlato delle sue prime settimane a Palermo e ha chiarito tutta la situazione legata all’acquisto del club.” Il mio fondo ha un capitale di poco più di 1000 sterline e non diamo i dettagli sul passaggio di consegne? La mancanza di chiarezza è dovuta in realtà alla complessità dell’operazione. Come abbiamo detto, questa è un’operazione che si basa sulla riorganizzazione dell’assetto intero del Gruppo Zamparini: quindi il Palermo Calcio è uno degli aspetti della nostra operazione, ma che tocca moltissimi altri ambiti. Riorganizzare il patrimonio di Zamparini fa capire che Zamparini rimarrà dietro me? No, con le scadenze che sono note, sarà presentata la nuova struttura societaria, in cui io risulterò proprietario al 100%. Questi sono fatti tangibili, le carte e i documenti saranno depositati in Lega, ci sono delle procedure burocratiche molto severe alle quali noi sottoporremo il nostro progetto con assoluta tranquillità e certezza di quello che stiamo facendo. Quando parlo di una riorganizzazione del patrimonio di Zamparini, semplicemente parlo di una serie di operazioni che si possono fare sugli asset che Zamparini ha costruito nel corso degli anni che possono a cascata ricrearsi e reinventarsi in forme più auto-sostenibili e anche produrre utili importanti. Però a livello societario e a livello gestionale, ognuno di questi progetti è diverso, ognuno di questi cade in parametri societari differenti. Il Palermo Calcio, che è ciò che più interessa a tutti quanti per adesso, sarà una società di cui io deterrò il 100%. Sarà mia”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Antonello Provenzano - 7 mesi fa

    Baccagnini ha lo stesso problema di Zamparini: parla troppo e si espone troppo. Per carità, anche prima che lo facesse, queste due settimane, in molti avevano dubbi su di lui, ma allargarsi troppo con la stampa e i media fa solo aumentari i dubbi, quando cambia versione tre volte e torna indietro.
    Se vuole e può fare ciò che dice di voler fare, lo faccia in silenzio e poi dichiari quel che vuole una volta dimostrato di essere capace di mantenere ciò che promette: altrimenti, ogni parola se la porta il vento, e lui diventa soltanto un altro Zamparini

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy