Calciomercato Palermo: la strategia di Foschi, il dilemma esterni e la lezione del passato. La nuova proprietà…

Calciomercato Palermo: la strategia di Foschi, il dilemma esterni e la lezione del passato. La nuova proprietà…

Consolidare un organico capace di conquistare il titolo di inverno ma al contempo potenziarlo a dovere, cogliendo le opportunità che offrirà il mercato. Giocatori in scadenza di contratto, elementi desiderosi di trovare maggiore spazio, l’interazione con la nuova proprietà: una finestra invernale non semplice da gestire per Rino Foschi…

Attacco Super

La batteria offensiva di Stellone è senza dubbio tra le meglio assemblate e più competitive della categoria. Due trequartisti come Trajkovski e Falletti, capaci di trasformarsi in esterni alti o seconde punte all’occorrenza, non hanno eguali per cifra tecnica e qualità balistiche in questo campionato. I due consentono una straordinaria varietà di soluzioni al tecnico rosanero: dal 4-4-2, declinato in un 4-2-4, al 4-3-2-1, passando per il 3-4-2-1 e il 4-2-3-1 fino al canonico 4-3-1-2. Imbarazzo della scelta che cresce in sede di terminali offensivi di riferimento: Puscas, Nestorovski ed il redivivo Moreo fanno dormire sonni tranquilli a Stellone. L’evoluzione dell’ex Venezia, boa pensante e costantemente al servizio della squadra in entrambe le fasi, ha fornito al tecnico un’opzione diversa ed estremamente efficace per caratteristiche. L’attaccante milanese, forte nel gioco aereo, abile nella protezione della sfera e nel gioco di sponda, ha accresciuto il suo indice di pericolosità in zona gol e scalato posizioni nelle gerarchie del reparto avanzato. Stellone è molto soddisfatto del roster offensivo a sua disposizione e nulla dovrebbe mutare in un reparto in cui il tecnico punta a valorizzare ed ottimizzare attitudini, complementarità e sinergia degli elementi già in organico.

In sintesi, il Palermo non dovrà fare moltissimo sul mercato, ma dovrà farlo presto e bene. Molto dipenderà dall’evoluzione dei casi legati ai giocatori in scadenza, ma non bisognerà perdere di vista anche l’operato delle dirette contendenti né lasciarsi trovare impreparati al momento di cogliere eventuali opportunità che la sessione potrebbe offrire. Anche operazioni tendenzialmente in ottica futura, con vista Serie A. Strategie e tipologia di movimenti, a prescindere dall’entità degli investimenti nel corso della finestra di trattative corrente, potrebbero fornire indicazioni significative su risorse e progetti della nuova proprietà a medio-lungo termine.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy