Novara, Cianci denunciato per ricettazione, esplode la contestazione dei tifosi: “Non meritiamo questo scempio”

I tifosi hanno organizzato una protesta dopo la denuncia di Maurizio Cianci, al grido di “Novara non merita questo scempio”

cianci

Giorni caldi in casa Novara.

Esplode la contestazione dopo la notizia della denuncia per ricettazione del presidente del Novara Calcio, Maurizio Cianci. Durante un controllo avvenuto nell’ambito di un servizio finalizzato alla repressione dei traffici illeciti e dei reati finanziari, l’imprenditore, è infatti stato trovato in possesso di 200.000 euro in contanti nascosti in una busta di generi alimentari nel suo suv. Una cifra ingente di cui Cianci non avrebbe saputo spiegare la provenienza alle fiamme gialle.

Cianci, dopo qualche ora, si è dimesso dalla carica di presidente e a.d. della società. Il club, inoltre, tramite una nota, ha preso le distanze dichiarandosi del tutto estraneo ai fatti. Una vicenda delicata che avrebbe toccato i nervi, già scossi, della tifoseria azzurra: scagliatasi contro il patron Maurizio Rullo, già nell’occhio del ciclone a causa dei deludenti risultati maturati dalla squadra.

Secondo quanto riportato da “Rai Sport”, in queste ore, c’è anche chi sta organizzando una manifestazione di protesta: l’appuntamento e’ fissato per domenica alle 12:00 nel parcheggio dello stadio “Piola”, al grido di “Novara non merita questo scempio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy