Palermo in Serie C, Pomini: “Noi trattatati diversamente dal Bari, meritati i play-off sul campo. Consiglio di B? La loro decisione…”

Palermo in Serie C, Pomini: “Noi trattatati diversamente dal Bari, meritati i play-off sul campo. Consiglio di B? La loro decisione…”

Le dichiarazioni live in conferenza stampa dell’estremo difensore rosanero, Alberto Pomini

Palermo retrocesso all’ultimo posto della classifica del campionato di serie B appena concluso e quindi in serie C: questa è la durissima sentenza del Tribunale Federale Nazionale della Figc, arrivata lunedì scorso, sull’illecito amministrativo contestato dalla Procura alla società siciliana. 

Successivamente la Lega ha anche diramato un comunicato ufficiale, attraverso il quale ha confermato le date dei playoff con l’esclusione del club di Viale del Fante, cancellando invece i playout e condannando i rosanero a retrocedere insieme a Carpi, Foggia e Padova: la sentenza, infatti, viene indicata come immediatamente esecutiva.

Decisione che ha scatenato un autentico terremoto in casa Palermo tale per cui, a quasi due giorni dall’amaro verdetto, i giocatori hanno tenuto una conferenza stampa al “Tenente Onorato” in cui hanno parlato del momento particolarmente drammatico vissuto dal club siciliano.

Situazione analizzata dall’estremo difensore Alberto Pomini:

“Noi ci siamo presi le nostre responsabilità e sappiamo di aver commesso degli errori nella stagione, ma ci siamo meritati di giocare i play-off sul campo e nessuno aveva diritto di agire in questo modo solo dopo il primo grado di giudizio. La stessa possibilità che è stata data al Bari nella scorsa stagione, a noi non è stata data. Supporto AIC? Ci stanno dando una mano per capire cosa possiamo fare, c’è stata una forzatura che non ha precedenti nel senso che il Consiglio di B non doveva prendere questa decisione. Ci sono squadre che hanno avuto dei benefici, altre squadre no come il Foggia. Non capiamo come mai accadano cose del genere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy