Palermo, Dario Mirri: “Disponibile a risolvere subito il contratto”. Il comunicato

Palermo, Dario Mirri: “Disponibile a risolvere subito il contratto”. Il comunicato

Le parole diffuse attraverso un comunicato ufficiale dell’imprenditore palermitano, Dario Mirri, all’indomani della sentenza della Corte Federale d’Appello

Ieri sera la notizia: dopo un’udienza durata circa tre ore, la Corte Federale d’Appello ha rilasciato la sentenza in merito al ricorso presentato dai legali del club. I siciliani hanno ricevuto una penalizzazione di venti punti nel campionato di Serie B corrente, e dunque non saranno retrocessi in Serie C.

Verdetto su cui si sono espressi anche gli esponenti della Arkus Network durante una conferenza stampa svoltasi proprio nel pomeriggio. Tra i vari argomenti trattati anche quello relativo al contratto pubblicitario sottoscritto dalla Damir e dal Palermo nel febbraio scorso per scongiurare il rischio penalizzazione in cui il Palermo sarebbe incorso in caso di mancato pagamento degli stipendi dei tesserati.

Dichiarazioni a cui lo stesso proprietario della Damir, Dario Mirri, ha risposto tramite un comunicato diramato in queste ore.

“Apprendo quanto comunicato dal sig. Tuttolomondo, riferito al contratto pubblicitario sottoscritto dalla Damir e dal Palermo lo scorso 17 febbraio. A quanto riportato dagli organi di informazione presenti alla conferenza stampa di oggi, la società, per bocca del sig. Tuttolomondo, “ha dato incarico ad un legale di valutare la posizione e proporre iniziative per tutelare il Palermo”. 

Preciso subito che già lo scorso 6 maggio, quando ancora eravamo in piena corsa promozione, nel corso di un incontro avuto con il fresco di nomina Vice Presidente Vincenzo Macaione, avevo già dato la mia disponibilità a risolvere il nostro contratto se questo fosse stato considerato d’ostacolo alle politiche o al piano industriale della nuova società. Era ed è sufficiente che l’attuale proprietà restituisca alla Damir i 2.800.000 + iva che abbiamo immediatamente versato anche per scongiurare la possibile penalizzazione ai danni del Palermo, in piena corsa per la Serie A.
La mia volontà era, ed è rimasta, quella di dare una mano, per l’amore e la passione nutriti per la nostra squadra del cuore, assumendomi il rischio – poi rivelatosi molto alto – di perdere completamente il mio investimento.
Adesso, quindi, con la stessa vicinanza ai colori della squadra, sono disponibile a sollevare in partenza l’attuale proprietà da ulteriori spese legali, questa volta relative al nostro contratto, che può essere risolto subito, se subito mi verrà corrisposta la stessa cifra messa a suo tempo a disposizione del Palermo, in un momento in cui nessuno si mostrava disponibile.
Forza Palermo, sempre”.
Dario Mirri
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy