Udinese-Fiorentina, parla Pradè: “Pareggio importante, la squadra ha dato tutto. Tifosi? ci stiano vicini…”

Le dichiarazioni del direttore dell’area tecnica bianconera, Daniele Pradè, a margine della sfida contro la Fiorentina

Fiorentina

Termina con un pareggio il match tra Udinese e Fiorentina, valido per la 22^ giornata di Serie A.

Due gol e poche emozioni: questa la sintesi della gara andata in scena, ieri pomeriggio, allo stadio Friuli. Dopo essere passati in vantaggio al ’55, la formazione di Davide Nicola, sarebbe stata rimontata dai gigliati che, al 65′, avrebbero trovato la rete grazie ad una botta di Fernandes.

Risultato che nonostante la beffa, soddisfa la compagine friulana, reduce da due pesanti ko maturati contro Sampdoria e Parma.

“Contro una squadra che veniva da undici reti nelle ultime due partite disputate, che aveva vinto sei delle ultime sette. E’ stata una partita di grandissimo cuore – ha dichiarato il direttore dell’area tecnica, Daniele Pradè, ai microfoni di “UdineseTV” –  di grandissima attenzione e c’è stata una grande risposta da parte dei ragazzi alla delusione di domenica a Genova. Peccato aver perso la partita col Parma, però il punto ce lo teniamo stretto per quello che abbiamo dimostrato dentro il campo; significa unione, significa identità, significa coesione, significa essere squadra: non ho visto un calciatore, che sia uno, che non ha dato il trecento per cento di quello che avevano dentro”.

Pradè, intervenuto a margine della sfida contro la Viola, si è inoltre soffermato sulle recenti contestazioni dei tifosi: “Ci sono stati dei calciatori emozionanti sotto il profilo della voglia: Behrami, D’Alessandro, Stryger Larsen, la buonissima prova di De Maio all’esordio, i due dietro che sono Nuytinck e Troost-Ekong che sono degli uomini incredibili. Ecco, io mi prendo questo, voglio prendere questo e ripartiamo da qua; ripartiamo da qua perché vogliamo riconquistare i nostri tifosi: per riconquistarli serve sacrificio, con sudore e cuore. E’ stata una partita di quelle che ti dimostrano che la squadra dà tutto. Iniezione di fiducia per le prossime partite? E’ tanti anni che faccio questo lavoro, e l’insoddisfazione del tifoso c’è quando non ci sono i risultati, quando non vedi una luce. Al tifoso voglio dire che dobbiamo farle insieme queste partite perché la squadra ha dato tutto, soprattutto per loro e per questo momento difficile che stanno facendo provare a tutti quanti; ha messo davvero qualsiasi energia all’interno del rettangolo di gioco. Poi puoi essere meno bello sotto il profilo tecnico, meno spettacolare… ma adesso serve questo: serve far vedere che noi ci siamo, serve far vedere che noi siamo un gruppo, serve far vedere che noi siamo uomini e ripartiamo da qui. E noi riconquisteremo i tifosi al cento per cento. Come società voglio dire che l’impegno, la profusione, il lavoro, gli investimenti. Abbiamo fatto tutto quello che c’era da fare. Purtroppo ci sono delle stagioni difficili, stagioni particolari; ma si parte da queste, si parte da queste per diventare delle grandi squadre. E io di questo ne sono convinto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy