Torino, Cairo svela: “Calcio? Prima mi ha fatto perdere soldi, poi me li ha fatti guadagnare”

Le dichiarazioni del numero uno del club granata, Urbano Cairo, relative al suo rapporto con il calcio

“Il calcio è sempre stata la mia passione, l’ho giocato, volevo diventare un giocatore di serie A ma non avevo le doti”.

A svelarlo è Urbano Cairo che, durante un’intervista concessa al “Corriere del Ticino”, ha parlato del suo rapporto con il calcio rivelando un particolare retroscena legato al suo passato.

“In serie A ci sono arrivato ugualmente, come presidente… Battute a parte il mondo del calcio mi ha aiutato molto: essendo molto “vivisezionato” dai media, mi ha insegnato sia a rapportarmi con loro, sia a fare in modo che i miei giornali avessero il giusto approccio con i loro interlocutori”.

Il numero uno del club granata, considerato tra i più importanti attori della scena mediatica odierna, ha inoltre parlato del suo modello di business adottato per il Torino: “Commercialmente non mi è servito. Inizialmente ho perso soldi, poi li ho recuperati perché ho imparato a fare un calcio diverso da prima, puntando sui giovani, cercando di svilupparne le qualità e i talenti grazie ad un’ottima rete di scout in grado di scovarli e a buoni allenatori capaci di valorizzarli. Un modo di lavorare che mi ha permesso di avere dei buoni risultati e di mettere a posto i bilanci”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy