Sassuolo-Napoli, De Zerbi: “Gara speciale, possiamo fare punti. Babacar? Sta bene, l’addio di Boateng…”

Le dichiarazioni del tecnico neroverde, Roberto De Zerbi, in vista della sfida contro la formazione di Carlo Ancelotti

Il Sassuolo, domani pomeriggio, ospiterà il Napoli nella 27ª giornata di Serie A.

Una volta archiviate le parentesi Champions League ed Europa League, gli azzurri, torneranno a dedicarsi ai match di campionato. Sfida insidiosa, quella in programma tra meno di ventiquattro ore al Mapei stadium, che metterà difronte due squadre reduci da due rispettive sconfitte e per questo desiderose di trovare riscatto.

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida, il tecnico Roberto De Zerbi, ha parlato del momento vissuto dalla sua squadra.

 

“Il Sassuolo deve continuare, non solo dalla partita col Milan ma da quasi tutto il campionato, con la stessa voglia di fare bene e divertirsi, con la stessa attenzione avuta a San Siro, sapendo la forza del Napoli, che sta bene fisicamente ed è in palla dal punto di vista tecnico, fa delle ottime giocate. Noi però dobbiamo cercare di fare punti e vincere la partita. Per farlo dobbiamo mantenere intatta la nostra identità, con sempre più convinzione e consapevolezza delle proprie qualità. Non sono stanco, sono dispiaciuto, perché potevamo fare qualche punto in più e rimane l’amaro in bocca. Sono comunque soddisfatto perché andare a Milano a vincere capita a volte, andare a Milano e fare quel tipo di partite non capita spesso. Il miglioramento sta nell’ultimo passaggio. Ci siamo allenati bene, questo gruppo difficilmente sbaglia in allenamento, per impegno mai. E’ difficile riprodurre l’ambiente della partita in settimana, come ho già detto”.

L’allenatore si è inoltre espresso sulla questione relativa alla formazione: “Giocare a tre o a quattro dipende dal portare o meno la partita ad essere più vicina a quanto prepariamo dal ritiro. Sensi domani non gioca perché non ce la fa a recuperare e non vogliamo rischiarlo, giocherà un altro con caratteristiche diverse ma con la stessa qualità. Il Napoli pressa altissimo e fortissimo, hanno grandissima velocità, imprevedibilità nei singoli e qualità nell’organizzazione di gioco, sanno giocare, in maniera diversa dall’anno scorso ma con la stessa qualità. Vincere domani, e la prossima e quella dopo ancora…Abbiamo 31 punti, sono tanti, potevamo fare di più ma anche meno. Se non abbiamo fatto di più probabilmente abbiamo dei limiti. Nessuno ha mai parlato di Europa League. Per l’anno prossimo non so, io qua sto bene, penso ci sia molto margine per migliorarsi e bisogna continuare a farlo finché non ci siederemo a parlare del futuro”.

“Ho sempre un’emozione diversa quando incontro squadre in cui ho giocato, almeno fino a quando l’arbitro fischia, poi quei novanta minuti penso alla partita”.

Chiosa finale su Babacar, miglior marcatore dei neroverdi: “A lui voglio bene, ha passato un momento di difficoltà, partito Boateng si è sentito addosso tutta la responsabilità e non trovando la via del gol si è intristito. Ho cercato di stargli vicino, a volte facendolo giocare e a volte no, dipende anche dal tipo di partita che ci aspetta, non c’è nessun caso Babacar, non ci sono problemi tra me e lui, lo stimo molto come calciatore e come ragazzo, quando verrà preso in considerazione dovrà mostrare quello che mostra in allenamento, è dimagrito, anche se non è che fosse in sovrappeso, e si sta allenando forte”.
Per lei è una partita da ex. “Ho sempre un’emozione diversa quando incontro squadre in cui ho giocato, almeno fino a quando l’arbitro fischia, poi quei novanta minuti penso alla partita”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy