Roma, Manolas si racconta: “Ho sempre saputo che sarei diventato un calciatore. Futuro? Quì sto bene, c’è la mia vita”

Le dichiarazioni del difensore giallorosso, Kostas Manolas, relative al suo futuro

Kostas Manolas si racconta.

Approdato a Roma nel 2014, il difensore greco, potrebbe essere vicino a lasciare la Capitale dopo cinque anni in giallorosso. Il giocatore, corteggiato da svariate big d’Europa tra cui Bayern Monaco, Juventus e Manchester United, è infatti considerato tra i possibili partenti già dalla prossima estate: ipotesi che diverrebbe ancora più concreta qualora la formazione di Claudio Ranieri non centrasse la qualificazione in Champions League.

Argomento trattato dallo stesso giocatore, durante un’intervista concessa al programma “Il Turista” in cui Manolas ha ricordato alcuni particolari aneddoti legati al suo passato.

“Nella capitale sto bene, c’è la mia vita. Devo restare con i piedi per terra e ricordarmi da dove sono partito. Bisogna lottare per raggiungere gli obiettivi. Il calcio e la vita non regalano nulla. Il primo paio di scarpini me lo regalò mio nonno quando ero piccolo. Mia madre disse che la mia prima parola è stata “obiettivo” mentre tenevo un pallone in mano. Ho capito subito che avrei potuto fare il calciatore. Ho ripreso da mio zio che è stato uno dei difensori greci più forti. Mi allenavo tre volte al giorno per raggiungere il mio obiettivo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy