Milan-Fiorentina, Gattuso: “Momento molto critico. Montolivo? Non mi piace”. E sullo scambio Higuain-Morata…

Milan-Fiorentina, Gattuso: “Momento molto critico. Montolivo? Non mi piace”. E sullo scambio Higuain-Morata…

Le dichiarazioni del tecnico rossonero, Gennaro Gattuso, a margine della sfida contro i viola

Il Milan si allontana, clamorosamente, dalla zona Champions League.

La Fiorentina espugna San Siro e vola al sesto posto in classifica a quota 25 punti: esattamente a due lunghezze dai rossoneri. A decidere il match uno spettacolare gol di Federico Chiesa, andato a segno al 73°. Terza partita senza reti per i meneghini, già reduci da due pareggi a reti bianche.

Una sconfitta pesantissima che, il tecnico Gennaro Gattuso, ha commentato al termine dalla sfida.

“E’ un momento complicato. Oggi eravamo in emergenza, la squadra non può rimproverarsi nulla. Il risultato brucia, abbiamo perso brillantezza ma siamo stati anche sfortunati. Chi avevo a disposizione ha giocato bene, abbiamo subito un tiro in porta e un gol. Bisogna restare lucidi e non andare alla ricerca di colpevoli. Oggi ci siamo inventati il centrocampo. Possiamo sviluppare in maniera migliore sicuramente. Dovevamo sfruttare meglio le situazioni in campo aperto”.

L’allenatore calabrese si è inoltre espresso sullo scarso impiego di Riccardo Montolivo: “Mauri ha fatto una buona partita. Riccardo non ha minutaggio e le scelte le faccio in base a quest’aspetto. Per mettere in campo un calciatore deve piacermi, in questo momento penso che gli altri siano più avanti. Oggi parliamo di questa partita, non di Montolivo altrimenti siamo fuori strada”.

Infine, Gattuso, ha parlato questione relativa al mercato, soffermandosi inoltre sul possibile scambio Higuain-Morata: “Oggi non posso parlare di quello che ci manca. Non è il mio mestiere, io sono qua per dire cosa non ha funzionato. Se dopo una sconfitta così devo venire a parlare di mercato faccio fatica perché non è il mio lavoro e non mi riguarda. Scambio Higuain-Morata? E’ una domanda che bisogna fare alla società. Sta vivendo un momento non brillantissimo, come la squadra. Fin quando è a Milanello resta un giocatore importante, da sfruttare al massimo. Nessun attaccante è contento quando non segna, ma fa fatica tutta la squadra e in questo contesto c’è anche Higuain”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy