Lazio-Bologna, Inzaghi avverte: “Questi ultimi 180 minuti fondamentali. Guerrieri? Domani arriverà il suo momento”

Lazio-Bologna, Inzaghi avverte: “Questi ultimi 180 minuti fondamentali. Guerrieri? Domani arriverà il suo momento”

Le parole del tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi, in vista della gara contro il Bologna

Giornata di vigilia per la Lazio.

Dopo il trionfo in Coppa Italia, i bianconecelesti, torneranno all’Olimpico per affrontare la formazione di Sinisa Mihajlovic nel Monday Night della 37^ giornata di Serie A. Nonostante l’obiettivo Europa League sia già stato centrato grazie alla vittoria nella finale di Tim Cup contro l’Atalanta, i capitolini, sono decisi a concludere nel migliore dei modi il campionato regalando una vittoria ai tifosi nell’ultimo match casalingo della stagione. Stesso obiettivo per il Bologna che con un pareggio conquisterebbe la matematicamente salvezza con una giornata d’anticipo.

Sfida presentata dal tecnico Simone Inzaghi soffermatosi, ai microfoni del sito ufficiale del club, sul momento vissuto dalla sua squadra.

“Questi ultimi giorni sono stati di grande festa, abbiamo celebrato la vittoria in Coppa Italia insieme ai nostri tifosi ed alle famiglia. Ci sono ancora due partite importanti da giocare, vogliamo finire campionato al meglio: gli ultimi 180 minuti saranno per me importanti perché voglio vedere il livello di maturità della nostra squadra, nonché spirito, determinazione e concentrazione dei ragazzi. Per quanto riguarda la formazione ho inevitabilmente qualche dubbio, domani sarà una gara difficile da disputare, Guerrieri sicuramente sarà in campo dal primo minuto perché se lo merita, è un ragazzo serio, un grande portiere, è parte integrante del nostro gruppo. Con me hanno esordito tanti giovani, domani arriverà il suo momento, se la merita”.

Chiosa finale sulla vittoria della Coppa Italia: “Mi riviene in mente le giornate di preparazione alla partita, le ore precedenti il calcio d’inizio, lo stadio pieno e pazzo per noi. Contro l’Atalanta abbiamo disputato una grande partita, abbiamo messo il cuore, siamo stati intensi per 95 minuti, è stata una delle migliori partite della stagione insieme al successo nel Derby ed a quello di San Siro in Coppa Italia con il Milan. È stata per me una grande soddisfazione ed una grande emozione consegnare la Coppa Italia ai genitori di Mirko Fersini, loro figlio è sempre con noi, questa intervista la stiamo facendo sul campo a lui dedicato, nel mio spogliatoio ho una sua foto, ci accompagna sempre. Incontrare la famiglia è stato molto bello. Ieri ho incontrato mister Bonacina dopo la vittoria sulla SPAL, mi sono complimentato con lui per il lavoro svolto e la promozione in Primavera 1 TIM, oggi molti ragazzi erano in campo con me e mi sono congratulato anche con loro. Ieri la Coppa Italia era in macchina con me, l’ho portata al Melli, è stata una grande emozione, l’avevo vinta due volte a livello Primavera, mentre due anni fa avevo perso in finale con la Juventus, l’altra sera è stato bellissimo ma purtroppo ho dovuto riconsegnare il trofeo qui!”. 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy