Juventus-Udinese, Nicola sicuro: “Domani vogliamo fare qualcosa di straordinario. Sandro? può giocare, ma…”

Le dichiarazioni del tecnico dell’Udinese, Davide Nicola, in vista della sfida contro la Juventus

Domani sera, la Juventus, ospiterà l’Udinese nell’anticipo della 27^ giornata di Serie A.

Dopo i successi contro Chievo e Bologna, la compagine friulana, sarà impegnata nella complicata trasferta di Torino con i bianconeri già proiettati alla prossima sfida di Champions League contro l’Atletico Madrid. Sensazione che trova conferma nelle scelte del tecnico Massimiliano Allegri, deciso a dare spazio alle seconde linee.

Argomento trattato anche dal tecnico della compagine bianconera, Davide Nicola, alla vigilia della sfida dell’Allianz stadium.

“Non cambiano la mia formazione, non ho molte scelte. Lui invece non ha problemi, se non giocano Bonucci e Chiellini ci saranno Barzagli, Rugani o Caceres. Noi dovremo avere l’umiltà per fargliela sudare. Nel creare una squadra bisognerebbe tenere conto di giocatori che possono adattarsi a ruoli diversi. Serve un atteggiamento mentale. Stryger Larsen è un guerriero, non ci sta a perdere, cerca di fare il meglio. Visti i numeri non so quanti vantaggi ci siano, ma poi per le capacità è un’opportunità incredibile. Dobbiamo fare una gara quasi perfetta. Per questo è intrigante”.

L’allenatore, si è poi espresso su Sandro: “La politica, nell’ultimo periodo, è quella di far sentire tutti titolari, nessuno sa se gioca o non gioca. In questa settimana abbiamo un giocatore in meno rispetto alla scorsa, quindi non è molto difficile fare la formazione. Più descrivere quello che ho detto ai ragazzi a inizio anno: magari uno non sta giocando e poi entra in partite determinanti. Sandro ha qualità ed esperienza, il problema è l’ultimo periodo, ha fatto 20 minuti ma da subentrante”.

Chiosa finale sullo stato di forma della Vecchia Signora: “Auguro il meglio alla Juventus in Champions, domani è la nostra. Ho esordito con una valutazione sui numeri, nessuno ha battuto la Juve in questo campionato. Per i pessimisti c’è l’andare a marcare visita, per chi insegue i sogni cerchiamo di fare qualcosa di straordinario. Poi sono realista, ma una nostra vittoria sarebbe eclatante. Giochiamo in uno stadio importante, contro una squadra che ha perso solo due di Champions e una di Coppa Italia”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy