Juventus, Bernardeschi: “Conte ha fatto la storia di questo club, su Allegri ho la mia idea. Futuro allenatore? Non mi esprimo, la società…”

Juventus, Bernardeschi: “Conte ha fatto la storia di questo club, su Allegri ho la mia idea. Futuro allenatore? Non mi esprimo, la società…”

Le parole dell’attaccante bianconero, Federico Bernardeschi, sugli ultimi accadimenti in casa Juventus

Parola a Federico Bernardeschi.

Prosegue la preparazioni dell’Italia per le sfide contro Grecia e Bosnia, in programma rispettivamente l’8 e l’11 giugno e valide per il terzo e quarto turno di European Qualifiers EURO 2020. Intervenuto proprio dal ritiro azzurro ad una settimana esatta dal termine del campionato 2018/19, Federico Bernardeschi, è tornato a parlare della sua Juventus ed in particolare del valzer di panchine nel campionato di Serie A.

“Allegri va celebrato come merita, perché ha vinto tanto e non è facile. Lui ha le sue idee, che hanno condotto la Juventus a tanti successi. l futuro allenatore della Juventus? “Non mi esprimo, abbiamo una società con ottimi dirigenti, quindi chiunque arrivi vuol dire che sarà all’altezza e porterà qualcosa in più per ogni giocatore. Da calciatore posso dire che Sarri a mio avviso è un profilo valido, ma non so se sarà il prossimo allenatore”.

Il classe 94, intervenuto direttamente da Coverciano, si è inoltre soffermato a parlare della polemica nata dopo l’approdo di Antonio Conte in nerazzurro: “Ho avuto la fortuna di essere stato allenato da lui. Ha fatto la storia della Juve da giocatore e in panchina. È normale che i nostri tifosi abbiano certe passioni ma quello che ha fatto resta”.

 

Chiosa finale sulla Nazionale e sul giovane talento italiano, Moise Kean: “È un gruppo straordinario, composto da tanti giovani talentuosi. Siamo tutti d’accordo nel dire che è l’Italia che volevamo, fatta anche da uomini ed è molto importante, Mancini ha lavorato molto su questo. Kean deve crescere senza pressioni e responsabilità, deve ancora sbagliare per trovare il suo equilibrio e lavorare nel modo giusto. Sarebbe sbagliato mettergli un’etichetta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy