Fiorentina, parla Ventura: “Contro il Torino gara delicata. Chiesa? Pericoloso trattenere un giocatore controvoglia”

Le dichiarazioni dell’ex ct dell’Italia, Gian Piero Ventura, in vista della sfida tra Fiorentina e Torino

Domenica pomeriggio, la Fiorentina, ospiterà il Torino nel match valido per la 29^ giornata di Serie A.

Dopo la pausa per gli impegni delle Nazionali, la Viola, tornerà in campo per affrontare la formazione di Walter Mazzarri all’Artemio Franchi. Match che rappresenta una sorta di ultima spiaggia per i gigliati, in cerca di punti preziosi per continuare a cullare il sogno Europa League. Situazione non troppo diversa per i granata: decisi a trovare la vittoria a Firenze per non allontanarsi dalle zone alte della classifica.

Sfida delicata che l’ex tecnico del Torino, Gian Piero Ventura, ha presentato durante un’intervista concessa ai microfoni di “Radio Bruno”.

“Se la Fiorentina vuole continuare a credere nell’Europa League ha un solo risultato a disposizione, ma lo stesso discorso vale per il Torino. Sarà una partita delicata. La dimensione delle due squadre è quella dell’Europa League visto che non possono vincere lo scudetto per evidenti motivi. Il divario con le squadre più forti lo colmi con l’organizzazione. Nelle squadre meno forti il peso dell’allenatore incide di più, positivamente o negativamente. Il 98% degli allenatori in Italia sarebbe contento di allenare la Fiorentina perché ha giovani, storia e ambizioni”.

L’ex ct della Nazionale si è inoltre espresso sul futuro del giovane talento della Viola, Federico Chiesa: “Vidi il suo esordio contro la Juve a Torino e all’epoca non mi sembrava pronto per certi livelli, invece è cresciuto in maniera esponenziale. Ora si è messo pure a segnare con continuità. Oggi è un giocatore di livello internazionale. Quando un giocatore ha voglia di vivere esperienze importanti, è difficile trattenerlo, mi è successo con Immobile al Torino che venen ceduto al Borussia. Questo per dire che è pericolosissimo trattenere un giocatore che non vuole rimanere. Poi ovviamente Chiesa potrà decidere di rimanere, in tal caso non ci sarebbero problemi”.

Infine, Ventura, ha parlato del momento vissuto dalla Nazionale Italiana: “Ci sono grandissime speranze di vedere un bel futuro. Prima di tutto è cambiata la struttura della FIGC, che è importantissima per il movimento. Poi ci sono stati tanti giocatori che sono cresciuti come appunto Chiesa o Bernardeschi, che potranno veramente riportare l’Italia dove merita”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy