PSG, Cavani ad un gol dalla storia: la parabola del “Matador” dal Barbera al Parco dei Principi

PSG, Cavani ad un gol dalla storia: la parabola del “Matador” dal Barbera al Parco dei Principi

L’attaccante uruguaiano è a un passo dal raggiungere Ibrahimovic e diventare il miglior marcatore della storia del PSG: Mediagol.it ripercorre la sua carriera tra Danubio, Palermo, Napoli e PSG a suon di reti

A un gol dalla storia del PSG

Di Valerio Cracchiolo

 

Il Matador“: questo il soprannome affibbiato ad Edinson Cavani fin dai suoi primi passi mossi a Napoli, un appellativo che mai fu più azzeccato, visto e considerato che l’attaccante uruguaiano è a un passo dal raggiungere Zlatan Ibrahimovic e diventare così il miglior marcatore della storia del Paris Saint-Germain. Se dovesse infatti segnare stasera, nella sfida valevole per il campionato di Ligue 1 contro il Digione decimo in classifica, il centravanti ex Palermo andrebbe a quota 156 reti con la maglia del club parigino, a pari merito con il bomber svedese del Manchester United.

Edinson è al momento a quota 155 gol in 225 presenze, mentre Zlatan ne ha messi a segno 156 in soltanto 180 partite giocate, 45 presenze di differenza che chiaramente dicono molto nel paragone tra i due calciatori, ma è ovvio che nonostante ciò i numeri del centravanti uruguaiano rimangono davvero incredibili, anche in termini di prestazioni al servizio della propria squadra.

Gol e sacrifici, questo il marchio di fabbrica di Edinson Cavani, che da quando non gioca più al fianco di Ibra (relegato ad ala sinistra con lo svedese al centro del tridente) ha visto la sua media gol aumentare vertiginosamente: nel ruolo di punta centrale l’ex rosanero mette infatti a segno una rete ogni 29 tocchi (mentre con Ibrahimovic ogni 70 tocchi), e la percentuale di interventi dentro l’area di rigore avversaria si è innalzata dal 14% al 26%. Questo significa che ‘Edi’, nel ruolo di numero 9 puro, è molto più incisivo in fase di realizzazione e ha bisogno di meno tocchi per buttare il pallone in rete.

Ma al di là delle mere e crude statistiche, il “Mattatore” che ha incantato il pubblico del Renzo Barbera prima, e quello del San Paolo poi, grazie ai suoi gol e il suo spirito da guerriero, potrebbe presto entrare nella storia anche del club parigino. Mediagol.it ripercorre la sua carriera tra Danubio, Palermo, Napoli e PSG a suon di reti. Perché segnare è quello che riesce meglio ad Edinson Cavani, il “Matador” della Serie A, e adesso anche della Ligue 1.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy