Palermo, l’omaggio al magistrato Romano: “La vittoria di ieri è per te. Il seggiolino e la maglia 40…”

Palermo, l’omaggio al magistrato Romano: “La vittoria di ieri è per te. Il seggiolino e la maglia 40…”

Il Palermo ha reso omaggio al magistrato Giovanni Romano, che quest’oggi avrebbe compiuto 40 anni, dedicandogli la vittoria di ieri

Un omaggio speciale, ieri, a Giovanni Romano.

Il magistrato, scomparso lo scorso febbraio a seguito di un incidente sulla Palermo-Catania, avrebbe compiuto quest’oggi 40 anni. Ieri, il club del duo Mirri-Di Piazza e il San Tommaso gli hanno reso omaggio a pochi istanti dall’inizio della gara. Il figlio Lorenzo Salvatore, avuto con un giudice avellinese, figura tra gli abbonati al nuovo Palermo. Proprio sul suo seggiolino, dove è stata apposta la targhetta con il suo nome insieme a quello del papà, è stata appoggiata una maglia celebrativa, con il numero 40.

Il club rosanero, attraverso un post su Facebook, ha onorato la memoria di Giovanni Romano, dedicandogli la vittoria conquistata: “Ieri è stata una di quelle giornate simboliche che ogni vero tifoso del Palermo ricorderà per sempre. Oltre 16mila persone sugli spalti significa altrettante storie di fede e appartenenza. Tra queste anche quella di Giovanni Romano, che ieri non c’era. Ma c’era. Giovanni è il magistrato che ci ha lasciato il 18 febbraio di quest’anno in un incidente in autostrada, mentre il Palermo era in piena lotta per la Serie A. Giovanni era un padre, un marito, un magistrato, un appassionato di calcio. Giovanni era un tifoso del Palermo, di quelli romantici, presenti nei momenti gloriosi e in quelli più bui. Ieri quindi sarebbe stato lì con noi a esultare e abbracciare i suoi amici dopo i gol, come sempre. Per questo proprio i suoi amici ieri lo hanno portato allo stadio, a modo loro: con una maglia speciale appoggiata sul “suo” seggiolino, con l’abbonamento che i ragazzi hanno comprato per lui e intestato al piccolo Lorenzo che non ha neanche due anni. La targhetta con il nome, d’accordo con la società, porterà il nome di padre e figlio. E, su quella maglia, rimarrà per sempre il numero 40, come gli anni che Giovanni avrebbe compiuto oggi. Tanti auguri caro amico nostro, buon compleanno, ovunque tu sia. Questa prima vittoria nel nostro stadio la dedichiamo a te”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy