IL DERBY

Catania-Palermo 2-0: Moro fa il bis, i rosa steccano il derby e chiudono in nove

Mediagol (lf) ⚽️

PRIMO TEMPO - Scelte da derby. Catania e Palermo si affrontano allo stadio "Massimino" in una gara attesa e dai risvolti non soltanto campanilistici.

Compagine di Filippi che viaggia con il vento in poppa e punta ad insidiare il primato del Bari, Catania che tiene botta e sogna il rientro in zona playoff nonostante le gravi criticità societarie. Il tecnico rosanero conferma l'ormai solito 3-5-2 ma regala almeno un paio di sorprese nella composizione dell'undici iniziale. Davanti a Pelagotti, linea difensiva formata da Buttaro, Marconi e Crivello, Accardi e Valente a fungere da esterni alti sulle corsie.

De Rose polo in zona nevralgica con Odjer e Dall'Oglio nel ruolo di intermedi. Filippi opta in avanti per i centimetri e la fisicità di Soleri al fianco del bomber Brunori.

Catania che si schiera sul rettangolo verde con un 4-3-3 piuttosto elastico. Stancampiano tra i pali,  Calapai,  Claiton,  Monteagudo e  Pinto a formare la linea difensiva,  Rosaia,  Maldonado e Greco in mediana,  Biondi e Russini a supporto di Moro nel tridente offensivo.

Partenza tambureggiante ed aggressiva di marca etnea: intensità, pressing alto e gran ritmo nello sviluppo della manovra, il Palermo stringe i denti e si difende con ordine ed un pizzico di affanno. Forcing in avvio del Catania che si dipana in ampiezza, con gli esterni bassi, Calapai e Pinto che spingono forte,  creano superiorità sulle catene laterali e mettono vari traversoni interessanti in the box. Dopo una decina di minuti complicati, il Palermo prende le misure ed alza il baricentro, sciogliendosi dall'iniziale torpore. Grande vis agonistica e vigoria da derby su entrambi i fronti, ma non si registrano nitide occasioni da rete. Catania che appare più elettrico e reattivo, ospiti lineari ma farraginosi e spesso troppo scolastici nella tessitura del gioco.

L'episodio che rompe l'equilibrio nel punteggio si materializza al minuto ventiquattro: Biondi va giù in area su lieve pressione di Marconi e tocco di Odjer e l'arbitro decreta il calcio di rigore. Moro trasforma con freddezza dagli undici metri spiazzando Pelagotti. 

Smaltito lo shock per l'estemporaneo svantaggio, la compagine di Filippi prova a riordinare le idee. Poco fosforo ed ancor meno creatività in mezzo al campo, De Rose dirige il traffico senza acuti significativi, Odjer è poco lucido ed insolitamente impreciso nella cucitura della manovra. Il Catania pressa forte e ruba spesso la sfera in zona nevralgica,  rendendosi pericoloso ogniqualvolta imbastisce una ripartenza.

Greco lavora un pallone magistralmente sull'out sinistro e crossa  teso, Moro protegge e scarica per il mancino di Russini che sfiora il palo.

Palermo che non riesce a proporsi in maniera armoniosa ed incisiva dalle parti di Stancampiano. Qualche accelerazione interessante, frutto degli strappi di Soleri e della tecnica sullo stretto di Brunori,  che si infrange sul muro della retroguardia etnea. Squadra di Baldini che si distende in modo più fluido ed organico, Biondi salta secco Crivello e chiama Pelagotti ad una parata non banale.  Russini sfiora ancora il bis in chiusura di tempo con un bel mancino in diagonale.

 

SECONDO TEMPO - Filippi prova a dare una svolta tattica instillando una dose di audacia e qualità dalla panchina: fuori Odjer e dentro Silipo, rosanero disposti con il 3-4-1-2. Baricentro più alto e maggiore vivacità nello sviluppo della fase offensiva. Il classe 2001 scuola Roma fornisce subito un quid di estro e brillantezza nell'uno contro uno: sterzata secca e mancino velenoso che impegna Stancampiano.  Altre mosse propositive dalla panchina ospite: Luperini ed Almici rilevano Dall'Oglio e Buttaro. Accardi scala sulla linea difensiva, Almici prende posto sul binario destro, il modulo tattico non cambia. Occasionissima per il pari ospite poco dopo: De Rose trova la testa di Almici che diventa sponda per la splendida conclusione al volo di Soleri, sfera che lambisce il palo a Stancampiano battuto.

Baldini risponde con Provenzano ed Izco in luogo di Greco e Maldonado. Il Palermo spinge e Russini viene tradito dalla foga agonistica: entrata in ritardo su Brunori e secondo giallo: Catania che rimane in dieci uomini.  Baldini getta nella mischia Zanchi per Biondi, Filippi gioca la carta Floriano per Valente e rimodella la squadra: Palermo che propone un 4-2-3-1 per provare a raddrizzare il match. Crivello calcia dal limite ma non riesce ad angolare il sinistro e Stancampiano blocca senza patemi. Grave ingenuità di Almici al minuto ottanta: l'ex Hellas Verona strattona un raccattapalle che indugia nel restituire la sfera: l'arbitro gli mostra il rosso diretto e ristabilisce la parità numerica. Il Catania moltiplica le forze e serra i ranghi, il Palermo detiene il pallino del gioco ma non riesce a fare breccia nella densità etnea.

La partita si chiude di fatto a cinque minuti dal novantesimo: Zanchi vince il duello con Accardi e trova in area Moro: l'attaccante danza tra Marconi e Crivell, si libera in dribbling e incrocia imparabilmente con il mancino griffando il derby. Filippi gioca la carte Fella a partita quasi compromessa.

Il bomber del Catania sfiora anche il tris, bravo Pelagotti a chiudere lo specchio in uscita bassa, il Palermo ha un sussulto in percussione con Silipo che pecca di egoismo e vede murarsi la conclusione mancina. Luperini va in tilt sotto il profilo nervoso e commette un fallo di frustrazione che gli costa il cartellino rosso.  I cinque minuti di recupero sono soltanto il preludio alla gioia della compagine di Baldini che fa suo con merito un derby certamente meglio interpretato rispetto agli avversari.

 

tutte le notizie di