Rispoli: “Palermo non merita questo scempio. Futuro? Aspetto la chiamata giusta, magari in A…”

Rispoli: “Palermo non merita questo scempio. Futuro? Aspetto la chiamata giusta, magari in A…”

Le dichiarazioni rilasciate dall’ormai ex numero 3 del Palermo: “La proprietà non ispirava alcuna fiducia”

Si allena attualmente nel capoluogo siciliano in attesa di una nuova sistemazione.

Stiamo parlando di Andrea Rispoli. L’esterno originario di Cava de’ Tirrani, il cui contratto che lo legava al Palermo è scaduto lo scorso 30 giugno dopo quattro anni di militanza, è stato intervistato ai microfoni di ‘SkySport’. Diversi sono stati i temi trattati dal classe ’88, che piace a Benevento e Salernitana in Serie B e alla Spal in A: dalla mancata iscrizione al prossimo campionato cadetto del club di viale del Fante, che dovrà dunque ripartire dalla Serie D, al suo futuro.

Di seguito, le sue dichiarazioni.

“Purtroppo alle parole non sono seguiti i fatti. In tanti eravamo perplessi e purtroppo così è andata. Non vedevamo la sicurezza e la tranquillità di una proprietà che voleva investire in una città così importante: non ispirava alcuna fiducia. La delusione è tanta, una città ed una tifoseria del genere non meritano tutto ciò. Anzi, ai tifosi dico che non meritano questo scempio. Il mio futuro? Io aspetto la chiamata giusta, un progetto serio e sano. Senza fretta, cerco la soluzione migliore. E se fosse Serie A sarei più felice…”, ha concluso Rispoli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy