Marine FC tra record e storia, venduti 30 mila ticket virtuali per la sfida contro il Tottenham: “Sistemati per i prossimi 20 anni”

Il club ha staccato ben 30 mila biglietti virtuali in occasione della sfida di FA Cup contro il Tottenham

Data storica per il Marine Football Club.

Nonostante il ko nel terzo turno di FA Cup contro il Tottenham, il 10 gennaio 2021 è una data destinata ad entrare nella storia del Marine Football Club: squadra di ottava serie che, per un pomeriggio, ha potuto ospitare nel proprio piccolo stadio di Rosset Park – di appena 3mila posti – la formazione di Josè Mourinho. Una favola ormai finita per il club di Crosby, battuta dagli Spurs con un rotondo 5-0 che gli è costato l’eliminazione dalla FA Cup. Ma per il Marine FC, il match contro il Tottenham, non ha rappresentato solo una tappa fondamentale in termini di prestigio. Sì, perchè grazie al match di ieri sera, il piccolo club di Crosby non avrà più problemi economici per i prossimi 20 anni.

Le restrizioni legate alla pandemia da Covid-19, infatti, non hanno infatti permesso ai tifosi di assistere alla sfida dagli spalti del piccolo impianto di gioco. Motivo per il quale, il Marine FC ha deciso di mettere in vendita dei biglietti virtuali – a 10 sterline ciascuno – riuscendo a superare così quota 30 mila tickets “staccati”.

 

Un vero e proprio record commentato nel post-gara anche dall’attaccante Niall Cummis.

“Penso che il club sia sistemato per la prossima decade… probabilmente anche due decadi. Quando la FA ha annunciato che i premi in denaro sarebbero stati ridotti, la cosa ha colpito significativamente il Marine. Avremmo avuto solo 500 biglietti, per cui la stima era di 5mila sterline che il club avrebbe potuto guadagnare. Per questo motivo l’idea dei biglietti virtuali ha salvato il club. Ci simao svegliati domenica e avevamo ottenuto 12.500 streline. I soldi saranno spesi molto saggiamente e il club avrà un’infrastruttura per gli anni a venire”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy