Ligue 1, carriera finita per l’arbitro Chapron: aveva sgambettato ed espulso Diego Carlos…

Ligue 1, carriera finita per l’arbitro Chapron: aveva sgambettato ed espulso Diego Carlos…

L’arbitro Tony Chapron pone fine in anticipo alla sua carriera: è stato sospeso dalla federcalcio francese per aver sgambettato ed espulso Diego Carlos durante un match di Ligue 1

di Maria Chiara Ferrara

L’arbitro Tony Chapron è stato sospeso per otto mesi dalla commissione disciplinare della Federazione Francese.

Il direttore di gara francese era divenuto il protagonista del match di Ligue 1 tra Nantes e Paris Saint Germain andato in scena lo scorso 14 gennaio per un ingiustificabile gesto antisportivo. L’arbitro aveva infatti prima sgambettato e poi espulso il difensore brasiliano Diego Carlos. Il giocatore, secondo quanto emerge dalle immagini, trovandosi la strada sbarrata, lo aveva accidentalmente spintonato, facendolo cadere. La mossa non è andata giù a Chapron, che ha reagito allungando il piede. Il difensore, dopo avere subito l’incredibile fallo di reazione proprio dal fischietto, è andato proprio da quest’ultimo a lamentarsene. Oltre il danno, la beffa: la pedina del reparto arretrato ha dovuto anche lasciare anticipatamente il terreno di gioco, dopo avere ricevuto il secondo giallo del match per le proteste. Diego Carlos, per la rabbia e l’incredulità, ha tentato di spintonare l’arbitro, prima di essere allontanato dal campo dai compagni di squadra. Un bizzarro accadimento che ha fin da subito sconvolto i quotidiani sportivi locali e non solo.

Tra coloro che hanno ripercorso gli attimi di caos, anche Claudio Ranieri. Il tecnico, al termine del match, aveva espresso la sua incredulità in merito all’accaduto: “È la prima volta che vedo una cosa del genere, l’arbitro ha dato un calcio al mio giocatore, che gli ha detto: ‘Che fai?’. Ora lo squalificheranno, però non è mai successa una cosa del genere”, queste le sue parole.

Ligue 1, in Nantes-Psg arbitro espelle giocatore dopo essergli franato addosso. Ranieri: “Mai vista una cosa del genere”

Il parere dei vertici arbitrali, tuttavia, non ha tardato ad arrivare. All’indomani dell’accaduto la Federcalcio francese ha infatti sospeso a tempo indeterminato il direttore di gara, che si era prontamente scusato per la reazione avuta nei confronti di Diego Carlos, ricevendo nei giorni successivi il ‘perdono’ del difensore brasiliano. Nonostante i primi di febbraio la squalifica fosse stata fissata a tre mesi, ad oggi essa è stata prolungata a otto mesi dalla commissione disciplinare. Il provvedimento costerà caro all’arbitro francese. Sarà difatti proprio questo l’ultimo fischio di Tony Chapron, il quale, poiché a 45 anni ha già raggiunto i limiti di età non potrà più a arbitrare al termine della squalifica. Il direttore di gara dovrà dunque appendere il fischietto in corso d’opera, senza attendere il finale di stagione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy