Coronavirus, Pellissier: “Ci saranno altri calciatori positivi. Riprendere a giocare non è semplice”

Coronavirus, Pellissier: “Ci saranno altri calciatori positivi. Riprendere a giocare non è semplice”

Sergio Pellissier, responsabile dell’area tecnica del Chievo, sulla difficile situazione legata al Coronavirus

Un momento delicato per l’Italia.

L’emergenza Coronavirus continua ad espandersi, anche nel mondo del calcio con già diversi casi di calciatori positivi a questo nuovo virus che ha, nel corso dell’ultimo mese, contagiato e ucciso diverse persone.

Juventus, il messaggio di Matuidi: “Sono positivo, ne usciremo ancora più forti”

Sergio Pellissier, responsabile dell’area tecnica del Chievo, si è espresso, attraverso le colonne del Corriere di Veneto, in merito alla spiacevole situazione, dicendo inoltre la sua sul futuro dei vari campionati: “Nel calcio stanno uscendo adesso i primi casi di positività. Ne usciranno ancora. E finché non staranno tutti bene non credo si possa ricominciare. Se l’onda del contagio si esaurisse intorno a fine aprile, riprendere di colpo dopo un mese e mezzo sarebbe dura. Dipende da quando si potranno mettere in piedi gli allenamenti: non basta una settimana per essere nuovamente pronti a giocare. Nel calcio, il fisico è usato in modo estremo. Già quando stai fermo tre giorni ti ci vuole del tempo per riprendere. Dopo questo stop, sulla carta, servirebbe un ritiro, comprensivo di allenamenti doppi e amichevoli. Poi, per carità, se si vuol giocare si gioca, ma i giocatori non saranno mai al top”,

Emergenza Coronavirus, Skriniar lancia l’appello: “Grazie a chi ha donato, non smettiamo di farlo. Supereremo questo momento difficile”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy