Atalanta, c’è l’ok della Lega: si torna a Bergamo! Luci puntate sul Gewiss Stadium

Atalanta, c’è l’ok della Lega: si torna a Bergamo! Luci puntate sul Gewiss Stadium

L’Atalanta torna a casa: domenica gli orobici giocheranno nel nuovo Gewiss Stadium il match contro il Lecce

L’Atalanta può tornare a casa.

La squadra di Gian Piero Gasperini ha ottenuto il via libera della Lega per tornare a giocare le gare casalinghe allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia. Finora, infatti, gli orobici erano scesi in campo al Tardini di Parma per quanto riguarda i match di campionato e a San Siro, dividendo l’impianto con l’Inter, per quanto concerne gli impegni in Champions League. La ristrutturazione dello Stadio di Bergamo, che adesso per ragioni di sponsorizzazione prenderà il nome di Gewiss Stadium, è però quasi conclusa e la struttura può finalmente ospitare gli impegni stagionali: “Mai più anticipi e posticipi fuori da Bergamo, i prossimi lavori li faremo solo a campionato fermo. L’anno prossimo sarà il turno della tribuna Ubi: forse la Sud potrebbe essere fatta durante la stagione, non questa, con lavori per 10 mesi”, ha spiegato il direttore operativo della Dea Roberto Spagnolo. Complessivamente la nuova capienza è di 22.512 posti e sono stati installati nuovi sistemi per velocizzare l’ingresso dei tifosi nelle diverse aree. Domenica, in occasione del match contro il Lecce, si accenderanno le luci del nuovo Stadio.

Di seguito il comunicato attraverso cui la Lega ha dato l’ok al club bergamasco: “A seguito dell’accoglimento da parte della Commissione Criteri Infrastrutturali della F.I.G.C. dell’istanza presentata dalla società Atalanta B.C. S.p.A. per l’utilizzo dello Stadio “Gewiss Stadium – Atleti Azzurri d’Italia” di Bergamo, a parziale rettifica del Comunicato Ufficiale n. 24 del 23 agosto 2019, si comunica qui di seguito l’impianto sportivo ufficiale della società Atalanta B.C. S.p.A. per le gare interne della stagione sportiva 2019/2020”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy