Stampa USA ironizza su Berlusconi e Zamparini: “Da quando hanno lasciato la Serie A, l’esonero non va più di moda…”

Stampa USA ironizza su Berlusconi e Zamparini: “Da quando hanno lasciato la Serie A, l’esonero non va più di moda…”

Nessun esonero in A da quando l’ex Premier ha lasciato il Milan ed il Palermo di Zamparini è retrocesso in Serie B. L’ironia della stampa americana: “Continuità negli allenatori, trovata una casa improbabile in Serie A”

7 commenti

Maurizio Zamparini e la sua fama di mangia allenatori.

Un ruolino di marcia, quello del patron friulano, tutt’altro che invidiabile. Sono più di cinquanta, infatti, gli allenatori esonerati dal numero uno di viale del Fante tra Venezia e Palermo. Pochi come lui, sì. Eppure c’è chi, oltreoceano, è stato paragonato al numero uno di viale del Fante. Chi? Stiamo parlando di Silvio Berlusconi. A tirarlo in ballo, la stampa americana.

Da quando l’ex Premier ha lasciato la presidenza del Milan – sottolinea ‘USAToday’ -, passando di fatto la mano ai nuovi proprietari, ed il Palermo è retrocesso in Serie B, nessun allenatore nel massimo campionato italiano è stato ancora licenziato dopo sette giornate.

Si tratta di una coincidenza, forse. Tuttavia, era da diversi anni che ciò non si verificava. L’anno scorso, ad esempio, in casa rosanero, dopo appena due giornate, si era già concretizzato il primo cambio in panchina: accettate le dimissioni da parte di Davide Ballardini, Zamparini scelse di affidare la panchina a Roberto De Zerbi. Tutto il resto è storia.

Emblematica, in tal senso, la stagione 2011-2012. Era il 2 giugno 2011 quando Stefano Pioli è diventato il nuovo allenatore del Palermo, firmando un contratto biennale con la società di viale del Fante, con opzione per il terzo anno. Il debutto in panchina è datato 28 luglio 2011, nel terzo turno preliminare di Europa League contro gli svizzeri del Thun. Dopo il 2-2 maturato nel match d’andata al Renzo Barbera, l’1-1 al ritorno ha determinato l’eliminazione dei siciliani. Il 31 agosto, dopo appena due mesi, il mister originario di Parma venne sollevato dall’incarico. Ed il campionato doveva ancora iniziare.

Due anni più tardi, dopo l’addio di Massimiliano Allegri, anche quella del Milan è diventata una delle panchine più calde della Serie A. Sono quattro, infatti, i tecnici esonerati da Berlusconi in due anni e mezzo. Clarence Seedorf, Filippo Inzaghi, Sinisa Mihajlovic e Cristian Brocchi le vittime. Un vizio, quello di mangiare allenatori, che gli è costato certamente caro. E non solo in termini di risultati.

Alla vigilia dell’ottava giornata di campionato, però, sono diversi i tecnici in bilico. Uno fra tutti proprio Vincenzo Montella, attuale tecnico del Milan. Tutto dipenderà dal derby: qualora i rossoneri domenica sera non riuscissero a vincere contro l’Inter di Luciano Spalletti, l’allenatore potrebbe essere esonerato. Ultimatum anche per il tecnico del Benevento, Marco Baroni e per il tecnico dell’Hellas Verona, Fabio Pecchia.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Renato Cavallaro - 2 mesi fa

    Più il cavallo viene picchiato, più gli luce il pelo. FORZA PALERMO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Francesco Manzella - 2 mesi fa

    Tenete a mente che chi non va allo stadio e di fatto non contribuisce non ha diritto di critica né di avere pretese!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giuseppe Cacciatore - 2 mesi fa

    Ma trq che.nn veniamo finche.ce zamparini soldi nostri nn e vede piu!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesco Manzella - 2 mesi fa

    Anche i sedicenti tifosi sono rimasti gli stessi. Pur non evidenziando eccellenti qualità calcistiche siamo primi in classifica anche senza la vostra presenza sugli spalti.
    Anzi visto che stiamo andando bene così per scaramanzia continuate a non venire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Salvatore Messina - 2 mesi fa

    Chissà che fine hanno fatto le trattative

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mario Biundo - 2 mesi fa

    X adesso tutto va bene, infatti non si parla ne di Cascio ne di bacarino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Leonardo Lunetto - 2 mesi fa

    Oltre l’Italia anche in usa… dovrebbe vergognarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy