Pierluigi Pardo e Ganz: “Quando Zamparini esonerò due volte Luciano Spalletti”

Pierluigi Pardo e Ganz: “Quando Zamparini esonerò due volte Luciano Spalletti”

Il telecronista di Mediaset e l’ex attaccante di Inter e Milan ricordano: “Zamparini esonerò due volte Luciano Spalletti”.

4 commenti

E’ stata la giornata di Luciano Spalletti: il tecnico di Certaldo è stato presentato alla stampa nerazzurra in qualità di nuovo allenatore dell’Inter.

Delle qualità del mister di Certaldo e di come potrà migliorare la squadra capitanata da Icardi con l’ex Roma si è parlato molto sulle frequenze di Radio 24 nel corso del talk ‘Tutti Convocati‘, condotto da Pierluigi Pardo e Giovanni Capuano. In collegamento anche Maurizio Ganz che ha condiviso con Spalletti una parentesi al Venezia dell’allora presidente e proprietario Maurizio Zamparini.

“A Venezia Spalletti fu esonerato… Sì, ma era un’altra era geologica. Poi fu anche ripreso – riflettono i due in diretta -. Il presidente era Zamparini. In quell’anno lì c’è stato anche Oddo, il papà di Massimo, che ha allenato due partite e poi Zamparini lo esonerò. Zamparini mandò via Spalletti, prese Materazzi… poi tornò Spalletti e Zamparini lo esonerò di nuovo. Ma insomma, Zamparini lo conosciamo. Io l’ho avuto come presidente – spiega Ganz“. “Un esonero da parte di Zamparini, ormai – conclude Pardo sorridendo – fa curriculum”.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Claudio Cardillo - 6 mesi fa

    Zamparini feccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alessandro Lo Sasso - 6 mesi fa

    Zamparini vuole solo guadagnare nel calcio..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Antonello Provenzano - 6 mesi fa

    Si vanta di avere avuto i migliori allenatori: e tanto ne capisce di calcio che li ha esonerati tutti. Nessuno è mai arrivato alla fine naturale del contratto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Stefano Ralli - 6 mesi fa

    Non per niente Zamparini in 30 anni di calcio non ha vinto niente !

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy